La pandemia colpisce soprattutto le donne

La pandemia da coronavirus e le misure preventive in Serbia hanno colpito le donne più degli uomini nel mercato del lavoro, riferisce una ricerca pubblicata ieri dal Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (UNFPA) e “UN Women” in Serbia.

È stato stabilito che in Serbia il 7% delle donne occupate ha perso il lavoro o è andata in ferie forzate, mentre tra gli uomini occupati è quasi la metà di meno, il 4%.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

L’analisi in Serbia ha mostrato che più donne che uomini hanno lavorato da casa (56,4% contro 34,1%), il che è una conseguenza del numero dominante di donne in settori come l’istruzione, la protezione sociale e parte dei servizi della pubblica amministrazione.

La pandemia ha influito anche sull’aumento delle differenze di genere nella distribuzione delle responsabilità familiari: le donne trascorrono più tempo nelle faccende domestiche e nella cura della famiglia.

La capa dell'”UN Women” in Serbia, Milana Rikanović, ha affermato che “il più grande onere delle faccende domestiche cioè la cura di bambini, anziani e malati ricade sulle donne, mentre gli uomini si concentrano principalmente sulle spese da fare e sulla cura degli animali domestici” e “questa divisione del lavoro era conosciuta da prima, ma la pandemia l’ha ulteriormente rafforzata”.

Se guardiamo ai servizi di base e al benessere dei cittadini, quasi un terzo delle donne e un quinto degli uomini hanno sperimentato l’impatto della pandemia sul proprio benessere psicologico: stress e ansia.

L’analisi ha anche mostrato che le donne più giovani hanno avuto maggiori problemi nell’accesso ai servizi di salute sessuale e riproduttiva e alla contraccezione rispetto alle donne anziane.

L’analisi ha anche affrontato l’onere per il sistema sanitario, che si è concentrato interamente sull’affrontare la risposta alla pandemia, e le donne più che gli uomini hanno segnalato difficoltà nell’accesso ai servizi sanitari.

Il divario di genere nell’accesso all’assistenza sanitaria è particolarmente ampio nei paesi piccoli in cui il 30,6% delle donne ha riferito di difficoltà nell’assistenza sanitaria, rispetto al 15,8% degli uomini.

“In tempi di crisi, la necessità di servizi per la salute sessuale e riproduttiva viene spesso trascurata, con conseguenze sconcertanti. Inoltre, le donne e le ragazze potrebbero essere maggiormente a rischio di violenza da parte dei loro partner e di altre forme di violenza domestica a causa delle crescenti tensioni in casa”, ha affermato il direttore dell’UNFPA per la Serbia John Kennedy Mosoti.

Lo stesso ha aggiunto che il 30% delle donne in Serbia ha riferito di avvertire che la discriminazione e la violenza domestica sono aumentate durante la pandemia, cosa dichiarata dal 18% degli uomini.

https://www.danas.rs/drustvo/tokom-pandemije-zene-u-srbiji-ostaju-bez-posla-a-kod-kuce-rade-vise-nego-pre

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top