La NALED ha identificato 12 priorità di riforma da attuare entro il 2025

Sostenere l’attuazione dell’Agenda Verde, migliorare gli investimenti e le condizioni edilizie e migliorare la qualità della regolamentazione sono 3 priorità chiave su un totale di 12, indicate dai membri dell’Alleanza Nazionale per lo Sviluppo Economico Locale (NALED) nel Piano Strategico 2022- 2025 presentato alla sessione conclusiva dell’assemblea annuale della stessa organizzazione.

Tra le priorità che NALED sosterrà nei prossimi anni vi sono l’ulteriore sviluppo dell’eGovernment e dell’eBusiness, la lotta all’economia sommersa, il miglioramento delle finanze pubbliche, l’adozione e l’attuazione di misure per lo sviluppo dell’imprenditorialità e dell’innovazione, il sostegno all’economia locale, l’incoraggiamento della cooperazione regionale e integrazione nell’UE importante per l’economia, lo sviluppo sanitario, l’agricoltura e l’industria alimentare.

Il presidente del consiglio di amministrazione di NALED, Vladislav Cvetković, ha sottolineato che dietro l’organizzazione ci sono 4 anni di successo, durante i quali una media del 92% delle attività del precedente piano strategico è stata poi realizzata. Lo stesso ha affermato che NALED ha contribuito all’attuazione di importanti riforme sistemiche, come l’introduzione del sistema eSalter, il miglioramento dei permessi di costruzione elettronici, la riforma del lavoro stagionale in agricoltura, eInspektor ed eFakture, nonché nuove come la digitalizzazione del programma salute, eAgrar ed eProstor.

La stessa ha lanciato una serie di importanti iniziative e di progetti pilota per la raccolta differenziata dei rifiuti, il programma per le startup “StarTech” e il Programma nazionale per i pagamenti automatici, il quale ha supportato l’introduzione dell’eFiskalizacije e dei pagamenti senza contanti in 25.000 sedi di piccoli rivenditori e istituzioni. “Solo nel 2021, il nostro team di esperti ha lavorato alla realizzazione di ben 44 progetti per il miglioramento delle condizioni aziendali e dello sviluppo economico, con il supporto di donatori internazionali e dei nostri membri. Sulla base dell’analisi e della percezione dell’ambiente, attraverso il processo di consultazione con i membri, i partner, la società civile, i media e i dipendenti, abbiamo creato una nuova strategia di sviluppo fino al 2025”, ha affermato Cvetković.

Come ha spiegato, sono stati definiti 12 obiettivi, raggruppati in due aree o livelli di azione, orizzontale e verticale, che garantiscono il miglioramento delle politiche e dei servizi pubblici in vari settori, a livello locale, nazionale e regionale, il tutto sotto gli auspici di un’integrazione nell’UE.

La NALED conta 316 membri dell’economia, dei governi locali e delle organizzazioni della società civile serba che contribuiscono direttamente alla progettazione e all’attuazione di iniziative di riforma nell’ambito di sei alleanze tematiche quali concorrenza leale, eGovernment, ambiente, proprietà e investimenti, cibo e agricoltura e salute, e dall’anno scorso un nuovo membro della famiglia NALED è il “BFC klub”, un ente che attualmente riunisce 25 città e comuni con un ambiente imprenditoriale favorevole. Lo scorso anno, la NALED è stata membro in 30 gruppi di lavoro del governo serbo per la stesura di strategie, leggi e statuti.

https://www.danas.rs/vesti/ekonomija/naled-utvrdio-12-reformskih-prioriteta-do-2025/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top