La metà dei lavoratori delle agenzie di intermediazione turistica ha perso il lavoro

Più del 50% dei lavoratori delle agenzie turistiche ha perso il lavoro a causa della pandemia da marzo ad oggi, e si prevedono ulteriori licenziamenti nel prossimo periodo, secondo un sondaggio condotto dal gruppo “Subagenti Srbije” tra 160 agenzie intermediarie.

“Subagenti”, in quanto gruppo informale di piccole agenzie di viaggio, afferma in una dichiarazione che nel 72,4% dei casi si tratta di aziende familiari, il che significa che quelle famiglie sono rimaste senza reddito.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

In quasi tre quarti delle agenzie intermediarie, i proprietari sono donne, quindi tra coloro che hanno perso il lavoro e il reddito un gran numero sono donne, categorie molto sensibili sul mercato del lavoro.

Senza aiuti di Stato, la maggior parte delle agenzie intermediarie verrà chiusa alla fine dell’anno, quando scadrà il secondo round di aiuti all’economia, e gli stessi chiedono sussidi per sopravvivere fino alla normalizzazione delle attività, e che i loro dipendenti ricevano almeno il reddito minimo.

“Per illustrare la situazione in cui ci troviamo sia al pubblico che alle autorità, oggi attaccheremo dei nastri di avvertimento sulle nostre vetrine, che indicheranno che crollo abbia sofferto il nostro ramo economico”, ha detto in un comunicato il gruppo.

http://www.rtv.rs/sr_lat/ekonomija/polovina-radnika-u-posrednickim-agencijama-ostala-bez-posla_1182205.html

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... agenzie turistiche, crollo economico, pandemia, perdita lavoro
Le diverse previsioni del governo e degli esperti mondiali sulle conseguenze della pandemia

Aumentato il prezzo dell’olio fino al 10%

Chiudi