La mancia potrebbe diventare obbligatoria in Serbia

Le mance potrebbero diventare un obbligo in Serbia. Per anni, i ristoratori hanno cercato di trovare una soluzione accettabile per il trattamento delle mance con le autorità fiscali. Secondo la normativa vigente, gli ispettori penalizzano severamente il denaro in eccesso che trovano nelle casse delle attività o nei portafogli dei camerieri. A giudicare dalla recente dichiarazione del Ministro delle Finanze, Siniša Mali, la Serbia potrebbe seguire l’esempio dei Paesi che hanno incluso questo gesto di generosità nei conti fiscali.

L’associazione commerciale dell’industria alberghiera e della ristorazione “Hores” propone che la mancia sia limitata al 10% del conto e registrata alla cassa.

“Il problema del trattamento fiscale e della tassazione delle mance grava da tempo sull’attività di albergatori e ristoratori in Serbia”, afferma Georgi Genov, presidente di “Hores”. “Se l’ispezione fiscale rileva un eccesso di denaro tra i dipendenti rispetto alla situazione del registratore di cassa, sporge denuncia contro i datori di lavoro per violazioni per le quali sono previste multe draconiane fino a due milioni di dinari per le persone giuridiche e fino a 500.000 dinari per gli imprenditori minacciati. Viene anche loro imposto un provvedimento di interdizione temporanea dall’esercizio delle attività per almeno 15 giorni”.

Una soluzione non è ancora all’orizzonte, ma è chiaro che le autorità stanno valutando questa proposta. Si dice che la mancia potrebbe variare dal 10 al 12% del conto totale e i proprietari delle strutture di ristorazione hanno già fatto sapere che non diminuiranno il prezzo dei loro servizi a scapito delle mance.

Ministarstvo finansija razmišlja da napojnica postane obavezni deo računa

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top