La maggioranza dei giovani serbi ‘non ce la fa’ a vivere da sola

Per due terzi dei giovani in Serbia, avere un lavoro non significa che riusciranno a diventare indipendenti dai propri genitori. Lo dice il rapporto sui diritti umani dei giovani in Serbia per il 2021 del Centro di Belgrado per i diritti umani presentato a Belgrado alla fine di giugno.

Secondo i risultati della ricerca citata, i giovani in Serbia guadagnano il 16% in meno rispetto alla media generale e la maggior parte di loro dice che riesce a malapena a sbarcare il lunario, motivo per cui non possono essere indipendenti dai loro genitori. “La maggior parte dei giovani lavora con un contratto di lavoro temporaneo od occasionale, che non è lavoro, ma lavoro al di fuori del rapporto di lavoro, quindi gli vengono negati i diritti che secondo il diritto del lavoro hanno altri dipendenti”, dice Nevena Trofimenko del Centro.

Ancora, la maggioranza dei giovani in Serbia non ha un reddito, (58,4%), secondo un rapporto dell’Organizzazione ombrello della gioventù serba (KOMS), che rappresenta 106 associazioni giovanili. Nel maggio 2022, quasi il 20% dei disoccupati nei registri del Servizio nazionale per l’impiego (NZS) aveva meno di 30 anni. Operai, fabbri, armieri, muratori, falegnami, autisti, elettricisti sono i più veloci a trovare un lavoro, afferma lo stesso Servizio in una nota. A maggio di quest’anno c’erano 86.595 disoccupati di età inferiore ai 30 anni nei registri del Servizio nazionale per l’impiego, secondo il Ministero del lavoro. Come sottolineano però, a maggio rispetto ad aprile si è registrato un forte aumento degli occupati.

Tra le 20.000 persone che hanno ottenuto un lavoro tramite il Servizio nazionale, i giovani rappresentano il 20%. Tuttavia, da anni i giovani costituiscono un quinto dei disoccupati, ricorda Sarita Bradaš, ricercatrice dell’organizzazione non governativa Foundation Center for Democracy. “Nel 2019 rappresentavano il 20% e nel 2020 la quota di giovani era del 21,4%”.

Secondo un rapporto del Centro per i diritti umani di Belgrado, fino al 75% delle persone di età inferiore ai 35 anni in Serbia hanno difficoltà a guadagnare abbastanza per le spese base, motivo per cui la maggior parte di loro vive con i propri genitori, mentre quasi il 50% dei giovani in Serbia ritiene di aver bisogno di uno stipendio compreso tra 80.000 e 100.000 dinari per una vita dignitosa. Il 7,2% delle persone di età inferiore ai 30 anni guadagna questo importo o uno maggiore. Un numero leggermente inferiore di giovani, circa il 20%, si accontenta di guadagni compresi tra 50.000 e 80.000 dinari.

Il 12,8% degli intervistati riceve più del salario minimo ma meno di 50.000 dinari, e solo l’1% ritiene che tale stipendio sia sufficiente per una vita dignitosa, secondo il rapporto. L’11,9% dei giovani riceve fino a 30.000 dinari mentre secondo i dati dell’Ufficio statistico della Repubblica (NZS), lo stipendio medio dei dipendenti in Serbia nell’aprile 2022 era di 73.012 dinari, anche se lo stipendio mediale, percepito dalla metà dei dipendenti, ammontava ad aprile a 55.267 dinari. Il salario minimo in Serbia è attualmente leggermente superiore a 32.000 dinari e viene percepito da circa 350.000 persone.

https://www.danas.rs/bbc-news-serbian/srbija-i-posao-zivim-u-grcu-zasto-se-mladi-u-srbiji-tesko-osamostaljuju-od-roditelja/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top