La maggior parte dei cittadini serbi sono apolitici o antipolitici

Due terzi dei cittadini serbi sono apolitici, antipolitici o non hanno un orientamento ideologico; l’apoliticità è particolarmente pronunciata nella popolazione di 30-39 anni, e tra persone con un alto livello di istruzione.

Secondo un sondaggio di “BIRODI” (Ufficio per le ricerche) se andassero alle urne molti di loro voterebbero per l’SNS di Vucic o per i movimenti civili, riporta “Danas”.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Tali risultati sono una conseguenza del disinteresse dei media verso la politica e dell’assenza dell’opposizione, della presentazione della politica come attività riservata ad Aleksandar Vucic che risulta essere l'”uomo per tutte le cose” nonché di un’anomia sociale, afferma Zoran Gavrilovic, sociologo di “BIRODI”.

Sono state analizzate le opinioni politiche dei cittadini su un campione di 1.006 intervistati in relazione alle ideologie e non ai partiti politici, in base all’età, all’istruzione, all’informazione e al comportamento elettorale.

La conclusione finale del sondaggio è che poco meno di due terzi degli intervistati, il 59,2%, sono a(anti)politici, mentre un orientamento ideologico ce l’ha più di un terzo degli intervistati, la maggior parte di loro democratici, cioè il 10,8%. È interessante notare che, in base alla divisione per età, i cittadini tra i 30 e 39 anni sono statisticamente significativamente antipolitici, mentre i trentenni, tra cui coloro che sono altamente istruiti, sono apolitici.

“È un peccato che il disinteresse verso la politica sia più pronunciato in questa popolazione, perché è una popolazione giovane e istruita che dovrebbe provocare un cambiamento nella società. Invece, proprio loro dicono che la politica non gli interessa, che la società è corrotta, manca di solidarietà ed empatia. Non vedono il loro futuro in Serbia. Sono quelli che hanno intenzione di lasciare il Paese”, sottolinea Gavrilovic.

Spiega che uno degli obiettivi di questa ricerca era identificare il legame tra l’orientamento ideologico dei cittadini e i partiti per cui avrebbero potuto votare.

Una conferma è che esistono due gruppi di cittadini apolitici: quelli che avrebbero votato per alcuni movimenti e liste civili, e una parte significativa di loro per il Partito progressivo serbo al potere.

La più grande percentuale di apolitici è tra gli elettori del “Pokreta slobodnih građana” (58,6%) del “Građanskog fronta, Ne davimo Beograd, Lokalni front, Samo jako” (68% di apolitici). Sono per lo più cittadini di classe elevata, giovani e istruiti, che non hanno un chiaro orientamento ideologico ma sono interessati all’azione pubblica e alla risoluzione dei problemi dei cittadini e alla lotta per lo stato di diritto.

Tuttavia, anche l’SNS di Vucic ha un numero significativo di elettori apolitici, il 42,8%.

https://www.021.rs/story/Info/Srbija/220323/Istrazivanje-Vecina-gradjana-apoliticna-medju-onima-sa-ideoloskim-opredeljenjem-najvise-demokrata.html

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... Antipolitica, Apolitica, BIRODI, politica
Giovani serbi insoddisfatti e poco interessati alla politica

Elezioni, politica e futuro in Serbia: il punto di vista dei giovani della diaspora

Chiudi