La lista serba fuori dal governo del Kosovo

Il presidente della lista serba Goran Rakic ha dichiarato che il loro movimento si ritirerà dal governo del Kosovo. “Formeremo lo ZSO (NdT: L’associazione delle municipalità serbe in nord Kosovo) il 20 aprile, in occasione del quinto anniversario dall’Accordo di Bruxelles” , ha affermato Rakic.

Dalibor Jevtic aggiunge che la decisione è stata presa all’unanimità. Egli giudica anche che si trattava di un attacco terroristico alla folla. “Noi, come rappresentanti del popolo serbo in Kosovo e Metohija, non rimarremo più in silenzio, e non faremo più da ikebana”, ha detto.

Goran Rakic riporta inoltre le parole di Vucic: “Non permetteremo una nuova “Oluja” (NdT: l’operazione militare croata che nel 1995 espulse i serbi da Knin). Domani, a Kosovska Mitrovica, terremo una sessione di tutti e dieci i comuni con maggioranza della popolazione serba, ha detto. Rakic sottolinea anche che a Belgrado ha il pieno sostegno di formare lo ZSO.

“Se avesssero solo voluto arrestare il signor Djuric, avrebbero potuto farlo in modo più dignitoso, e non con lo scopo di umiliarci, comunque nell’intento non ci sono riusciti”, dichiara Jevtic e aggiunge che Djuric ha il loro pieno sostegno. “Qualcuno si deve prendere la responsabilità per l’uso smisurato della forza e per tutto quello che è accaduto”. Jevtic sottolinea anche che lui stesso cercherà il responsabile di quanto è successo.

“Abbiamo un messaggio per i nostri concittadini in Metohija : questo avvenimento ci ha solo più unificato e rafforzato … Ci batteremo, e continueremo a combattere in modo democratico, come avete visto ieri, disarmati … Il nostro obiettivo è la pace e oltre a questo di essere più numerosi  in Kosovo e Metohija “, ha detto Jevtic. Aggiunge : “ Non appoggeremo le decisioni del governo del Kosovo nell’assemblea del Kosovo”.

Rakic ​​ha dichiarato che avrebbe formato lo ZSO in conformità con l’accordo di Bruxelles, e che non avrebbe violato i diritti internazionali. Ricorda anche che questo accordo è stato ratificato dall’Assemblea del Kosovo e che, in quanto atto internazionale, è al di sopra della Corte costituzionale del Kosovo e che dunque essa non può prendere decisioni.  “Faremo solo ciò che viene concordato e quello che abbiamo firmato .

L’incontro del presidente Aleksandar Vucic con i rappresentanti della lista serba si è svolto a porte chiuse a Belgrado.

Il movimento popolare “Serbia, democrazia, giustizia” ha annunciato in precedenza che la lista serba dovrebbe lasciare immediatamente le istituzioni del Kosovo, nonché a riesaminare l’ulteriormente  la partecipazione al dialogo di Bruxelles.

(http://rs.n1info.com/a374877/Vesti/Srpska-lista-izlazi-iz-Vlade-Kosova.html )

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top