La holding MK investe ancora nell’agricoltura serba

Il magnate Kostic pronto a rilevare molte imprese agricole in privatizzazione.

104883_0804-kostic-foto--nemanja-kostic_fIl presidente del Gruppo MK, Miodrag Kostic, ha annunciato che partecipera’ alla privatizzazione di 153 grandi imprese statali, come anche l’interesse  per l’acquisto di imprese appartenenti al settore agricolo.

Kostic ha espresso la valutazione che fra due anni, senza grandi investimenti, l’agricoltura nazionale potrebbe vedere aumentare le esportazioni del 50%, ovvero da 3 a 4,5 miliardi di euro all’anno. ’’Noi imprenditori stiamo seguendo con molta attenzione le dichiarazioni di tutti i potenziali candidati del futuro governo perché, se abbiamo capito bene, loro intendono continuare il processo di privatizzazione e la vendita ancora più convinta delle società pubbliche inefficenti”, ha evidenziato Kostic aggiungendo che tra le aziende destinate alla privatizzazione ci sono quelle che hanno un certo valore, ma ci sono anche quelle che non valgono più niente e che per il Gruppo MK sono interessanti solo le imprese dal settore agricolo.

Sottolineando il grande potenziale dell’agricoltura serba, egli ha detto anche che quello che si può fare attualmente, senza fare grandi investimenti è il consolidamento degli asset attuali, cioe’ la realizzazione di impianti adeguati che possano avere accesso ai sistemi di irrigazione. Commentando il suo impegno per l’integrazione dei grandi sistemi agricoli nella regione, Kostic ha detto che e’ meglio avere in posseso il 10% di cio’ che vale 10 miliardi di euro e uno sviluppo sostenibile, che essere il proprietario del 100% di quello che ne vale 100 milioni di euro, ma senza lo sviluppo sostenibile, sottolineando che egli appartiene al primo gruppo.

(Novi Magazin, 09.03.2014)

Share this post

scroll to top
More in agricoltura, industria agricola
Le mele sono l’oro serbo

L’agricoltura serba punta sulla qualità
Close