La guerra in Ucraina spaventa i serbi; corsa all’euro e al carburante

Durante il weekend ci sono state delle code in diverse stazioni di servizio in Serbia e molte persone hanno portato anche delle taniche, volendo fare più scorte di carburante possibile. Anche i principali uffici di cambio delle città della Serbia sono stati presi d’assalto poiché la gente compra euro in massa per paura dell’inflazione dovuta alla guerra in Ucraina.

Come ha confermato un dipendente di uno dei più famosi uffici di cambio di Belgrado in una dichiarazione per “Nova.rs”, nelle loro filiali si è vista una “follia generale”. “Abbiamo servito tutti coloro che sono venuti e hanno chiesto di acquistare euro, ma la situazione non è per niente piacevole, la domanda è enorme”, ha detto, aggiungendo che non poteva dire con certezza se le scorte di questa valuta stessero finendo.

L’ufficio di cambio “Pirana” conferma che la domanda di euro è più alta del solito. “Un po’ più di persone acquistano euro del solito, immagino che abbiano paura dell’inflazione”, ha detto uno dei dipendenti.

La paura dell’inflazione e della brutta situazione è rafforzata dal fatto che per esempio non era possibile acquistare euro nella maggior parte degli uffici di cambio della città di Uzice. Il tasso di cambio era principalmente 117-119 e, ove disponibile, anche 120 dinari.

“Al momento non c’è valuta estera perché c’è una grande richiesta, quasi nessuno vende euro, abbiamo solo dinari. Penso che questa sia una psicosi. Se compriamo una piccola quantità, la vendiamo. Ci sono altre valute estere in vendita, ma non euro”, ha detto il proprietario di uno degli uffici di cambio Uzice.

“Ho solo 30 euro, non ne ho di più”, ha affermato un altro dipendente di un ufficio di cambio di un quartiere di Belgrado. Secondo lui, la gente ha iniziato a comprare euro freneticamente pochi giorni fa. “È sicuramente a causa dell’Ucraina, la gente ha paura”.

Potražnja za evrom prerasla u ludnicu: Nakon pumpi ljudi pohrlili u menjačnice

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top