La Grecia aprirà le proprie frontiere a fine giugno e solo ad alcuni Paesi

I Greci hanno deciso che non apriranno le porte ai turisti dell’Europa occidentale e dei Paesi in cui la pandemia ha colpito di più. La Grecia, che è una delle destinazioni preferite dai turisti serbi, potrebbe aprire le sue strutture turistiche tra il 15 giugno e il 1° luglio. “Tra i cinque o sei Paesi per i quali si sono detti pronti ad aprire le porte c’è la Serbia, il che è una buona notizia”, afferma Aleksandar Senicic, dell’Associazione nazionale delle organizzazioni turistiche della Serbia (JUTA).

Ciò coincide anche con le stime degli esperti secondo cui i viaggi dalla Serbia non saranno possibili fino a circa metà giugno.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

“Riteniamo che saremo in grado di salvare parte della stagione con i viaggi in Montenegro e in Egitto, posti poco colpiti dal virus e mercati abbastanza flessibili. Tuttavia, tutti i piani sono ancora in stand-by e non dipendono dalle agenzie di viaggio, il che significa che gli operatori turistici non possono garantire date precise in questo momento, anche se vorrebbero iniziare a lavorare già domani”, ha detto Senicic.

I Greci hanno deciso di non aprire ai turisti dell’Europa occidentale e dei Paesi in cui la pandemia ha colpito di più, mentre la Serbia ha ricevuto “luce verde”, insieme a Romania, Bulgaria, Israele…

“Se i confini vengono aperti e ci sono altrettante condizioni regolari ai valichi di frontiera, si parla di possibili esami, ulteriori documenti, e ancora nessuna quarantena è stata definita alla partenza e al ritorno, speriamo di essere in grado di salvare almeno parte della stagione”, spiega Aleksandar Senicic.

Nel frattempo, tutti gli occhi sono puntati sulla situazione sanitaria e sulle istruzioni del governo. Quest’estate, coloro che possono e avranno un interesse lavoreranno, poiché ci sono molti hotel che non sono interessati ad aprire se prevedono un’affluenza bassa.

Le agenzie di viaggio in Serbia hanno deciso di annullare tutti i viaggi fino al 15 maggio. Secondo gli operatori del turismo, la prima settimana di maggio dovrebbe tenersi un nuovo incontro tra le agenzie di viaggio, così come colloqui con lo Stato e le istituzioni, dove saranno discussi ulteriori passi. Al momento, si ritiene che i viaggi non saranno possibili fino a circa metà giugno.

“Per ora, il 15 maggio è il lasso di tempo in cui non ci sarà sicuramente alcun viaggio. È ancora incerto, anche se penso che sia abbastanza realistico, data la situazione attuale, estendere questo tipo di decisione. Riguardo al turismo congressuale e ai viaggi di lavoro, questo segmento non verrà attivato, anche se il numero di eventi organizzati verrà drasticamente ridotto per il prossimo periodo, poiché un gran numero di congressi è già stato cancellato”, ha dichiarato uno dei protagonisti del mercato turistico congressuale.

https://www.srbijadanas.com/biz/vesti/da-li-cemo-moci-na-letovanje-u-grcku-granice-ce-biti-otvorene-krajem-juna-ali-samo-za-odredene-2020-04-21

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in coronavirus, frontiere, Grecia, JUTA
Trifunovic: “Vucic ha fretta di andare alle urne, potrebbe trovarsi in una brutta situazione in autunno”

Coronavirus: altri tre morti in Serbia, l’Europa sta lentamente allentando le misure

Close