La greca “Autostop” lascia a casa 70 operai

La fabbrica greca “Autostop” di Leskovac ha dichiarato in esubero circa 70 lavoratori a causa del ridotto volume di lavoro, poiché l’industria automobilistica è in crisi a causa della pandemia, ha detto oggi all’agenzia “Beta” il direttore della fabbrica Igor Rajković.

“Sfortunatamente, siamo stati costretti a farlo, ma una sessantina di lavoratori hanno accettato un lavoro nell’azienda di Leskovac Leskobegs”, ha detto Rajković. Fino a poco tempo, “Autostop” aveva la maggior parte delle quote nella “Leskobags”.

Alla domanda se ci saranno ancora esuberi di lavoratori in “Autostop”, che è impegnata nella produzione di parti tessili per interni auto, Rajković ha detto che spera di no. Non ha voluto commentare gli annunci del giugno di quest’anno secondo cui la stessa fabbrica costruirà un altro capannone nella zona industriale settentrionale di Leskovac, di fronte a quella esistente.

La “Autostop” opera a Leskovac dal 2013; all’inizio impiegava circa 50 lavoratori, e come si legge sul sito web della città di Leskovac, oggi conta circa 900 lavoratori. Finora, i dipendenti non si sono mai lamentati con il datore di lavoro. La società ha stabilimenti anche in Grecia, Irlanda e Regno Unito.

https://www.ekapija.com/news/3493189/grcka-fabrika-autostop-u-leskovcu-proglasila-oko-70-radnika-tehnoloskim-viskom

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top