La fotografia della gioventù serba: omofoba, nazionalista e contro l’aborto

Secondo l’ultima pubblicazione del Comitato per i diritti umani di Helsinki in Serbia su una scala di valori appartenente agli studenti delle scuole superiori, solo il 24% di loro sostiene i diritti LGBT, il 31% è moderatamente omofobo, mentre il 44% è omofobo, cioè mostra un’omofobia pronunciata.

L’analisi intitolata “Vrednosne orijentacije srednjoškolaca u Srbiji – Istraživanje 2019” (Orientamenti sui valori degli studenti delle scuole superiori in Serbia – Ricerca 2019), di Marija Radoman dell’Istituto di ricerca sociologica presso la Facoltà di filosofia di Belgrado, includeva prevalentemente domande sui valori e gli atteggiamenti relativi a genere, aborto, omofobia, ecologia, nazionalismo e atteggiamenti verso la minoranza rom, nonché l’atteggiamento verso il passato e le guerre degli anni ’90 nell’ex Jugoslavia.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

La ricerca ha mostrato che le ragazze mostrano atteggiamenti più tolleranti dei maschi quando si tratta di diritti LGBT, nonché che gli intervistati di Novi Pazar, vale a dire quelli di fede musulmana, sono più omofobi rispetto a quelli di altre città coperte dalla ricerca: Belgrado, Novi Sad, Nis e Kragujevac.

“Gli atteggiamenti nei confronti delle persone trans mostrano un pensiero più negativo rispetto agli atteggiamenti nei confronti dei gay o delle lesbiche. Sul numero totale di risposte, il 21% degli studenti delle scuole superiori sostiene il diritto di cambiare genere delle persone trans, mentre il 60% è contrario, il che indica un significativo fraintendimento dell’esperienza trans”, afferma la ricerca.

Si aggiunge che gli studenti delle scuole superiori sono leggermente inclini al nazionalismo, poiché i risultati del sondaggio mostrano che il 24% di loro non sostiene le affermazioni nazionaliste, il 44% si dichiara “nazionalista moderato”, mentre il 32% supporta le affermazioni nazionaliste.

Per quanto riguarda il problema del Kosovo, la percentuale più alta (53%) di studenti delle scuole superiori concorda con l’opinione che il Kosovo dovrebbe rimanere parte della Serbia, rispetto a quasi il 12% che ritiene che il Kosovo sia uno Stato indipendente.

Sulla scala degli atteggiamenti nei confronti della minoranza rom, gli studenti delle scuole superiori mostrano che, rispetto al numero totale, il 16% ha atteggiamenti estremi nei confronti dei rom, il 40% ha atteggiamenti moderati e il 44% ha atteggiamenti tolleranti.

“Quando si guardano i valori medi di tutte le affermazioni relative a questo gruppo di problemi e si confrontano con le stesse dichiarazioni del 2011, si può vedere che gli atteggiamenti sono più tolleranti oggi e che possiamo parlare di riduzione degli stereotipi nei confronti dei Rom. Pertanto il 71% degli intervistati ora concorda con l’affermazione secondo cui i rom dovrebbero avere diritti uguali nella società”, si legge nell’analisi.

Una delle domande a cui gli studenti delle scuole superiori hanno risposto era come ti sentiresti se una delle seguenti persone o famiglie si trasferisse nel tuo quartiere?

I risultati mostrano che i gruppi più accettati sono gli studenti (72%), seguiti da famiglie russe (69%) e famiglie americane (63%), mentre le coppie gay e lesbiche sarebbero le meno volute (solo il 19% degli studenti delle scuole superiori li desidera nel proprio quartiere, mentre il 44% si dichiara contro).

Inoltre, il 29% degli studenti delle scuole superiori non vorrebbe una famiglia albanese del Kosovo nel proprio quartiere, e una percentuale simile sarebbe contro le famiglie rom (20%) e i migranti (26%).

Gli studenti non hanno invece un chiaro atteggiamento nei confronti del passato di guerra, quindi il 29% di loro crede che i serbi siano i principali responsabili dei crimini commessi durante le guerre degli anni ’90, mentre lo stesso numero afferma che i serbi non erano affatto responsabili della guerra e dei crimini.

“L’aborto è un peccato”

“C’è stato un leggero declino dell’idea di patriarcato presente negli studenti delle scuole superiori; rispetto al 2011 sono più inclini all’orientamento non patriarcale, sono più inclini all’uguaglianza nelle relazioni tra uomini e donne, e il 44% di loro sostiene tale uguaglianza”. Tuttavia, ciò che preoccupa è l’accettazione dell’opinione che le donne occasionalmente meritino di essere picchiate, supportata dall’8% degli studenti delle scuole superiori, un risultato simile alla ricerca del 2011. Più del 45% degli intervistati ritiene che l’aborto sia un peccato, e ciò indica l’influenza della Chiesa”, conclude la ricerca.

https://www.danas.rs/drustvo/vladavina-prava/srednjoskolci-izrazeno-homofobicni-i-za-kosovo-u-srbiji/

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... aborto, gay, gioventù, omofobia, patriarcato
La parabola di Ana Brnabic

Sondaggio Demostat: la Serbia è più tollerante verso gli ebrei e i musulmani rispetto al resto dell’Europa centrale e orientale

Chiudi