La “Fiat” a Kragujevac spera in un nuovo modello di auto

La società “Stellantis” costituita dalle case automobilistiche “Fiat” e “Peugeot” sta ora elaborando il nuovo piano strategico e da settembre si dovrebbe conoscere il destino futuro della fabbrica “Fiat” in Serbia.

I lavoratori della “Fiat” sono in aspettativa retribuita dal 28 maggio e torneranno nei capannoni l’8 giugno. La “Stelantis”, società mista di “Fiat” e “Peugeot”, dovrebbe informare il governo della Serbia, comproprietario della fabbrica di automobili di Kragujevac con una quota del 33%, entro settembre o ottobre al più tardi su quali sono i suoi progetti per lo stabilimento in Šumadija.

Tutti sperano che venga lanciato in Serbia un nuovo modello di auto nella seconda metà del prossimo anno. Questo è molto più probabile della chiusura dello stabilimento di Kragujevac, uno degli stabilimenti “Fiat” più moderni in cui la maggior parte del processo produttivo è automatizzato. Dopotutto, la “Stellantis” ha annunciato un mese fa che non ha intenzione di spostare la fabbrica dalla Serbia.

Questa società è stata costituita all’inizio dell’anno e dovrebbe presentare presto i suoi piani di investimento per ogni fabbrica operante all’interno del gruppo torinese.

Sasa Djordjevic, presidente del sindacato “Fiat”, ha confermato che la “Stellantis” sta attualmente lavorando a un piano strategico per il prossimo periodo, che dovrebbe essere completato nei prossimi mesi, “dopodiché, avremo informazioni più dettagliate sull’opportunità di fare qualcosa di nuovo a Kragujevac. Spero sinceramente che si farà, e da settembre sapremo qualcosa in più sul nostro futuro”.

http://www.politika.rs/sr/clanak/480368/Kragujevac-se-nada-novom-modelu-automobila

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... Fiat, Kragujevac, nuovo modello auto
La Fiat continuerà la produzione a Kragujevac

I lavoratori in sciopero della “Fiat Plastic” sottoposti a intimidazioni e pressioni

Chiudi