La democrazia in Serbia non progredisce da 10 anni

Secondo l’ultimo rapporto sullo stato della democrazia dello svedese V Institute, “L’autocrazia diventa virale”, la Serbia è nel gruppo dei Paesi con il maggior declino democratico negli ultimi dieci anni, scrive il portale europeanwesternbalkans. Il rapporto afferma che l’integrità del processo elettorale è in declino insieme al deterioramento delle libertà civili.

“L’integrità elettorale in Serbia si sta deteriorando insieme alle libertà accademiche, civili e dei media, fatto che, tra le altre cose, ha contribuito al ritorno all’autoritarismo nel 2013. Da allora la qualità delle elezioni si è deteriorata e nel 2020 molti partiti di opposizione hanno boicottato le elezioni parlamentari”, afferma il rapporto.

Si aggiunge che la Serbia fa parte dei Paesi in cui la democrazia non è progredita negli ultimi dieci anni, e il Paese è classificato nella categoria dell’autoritarismo elettorale.

Il rapporto rileva inoltre che in Serbia il governo ha introdotto restrizioni eccessive alla circolazione dei migranti nei campi profughi.

I risultati di questo Istituto sono che il 2020, “anno della chiusura”, ha sostituito il 2019, “anno delle proteste”. Come si afferma, la maggior parte delle democrazie si comporta in modo responsabile durante la pandemia, mentre la situazione è peggiore nelle autocrazie, dove ci sono state violazioni ampie o moderate delle norme democratiche, come parte della risposta alla crisi dovuta al COVID-19.

V Dem Institut: U Srbiji demokratija nije napredovala 10 god.

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... democrazia, integrità elettorale, Serbia
La Serbia sempre più in basso nella classifica “Freedom House”

Serbia al 7° posto in Europa centro-orientale nel settore IT

Chiudi