La Croazia insisterà affinché la Serbia le risarcisca i fondi spesi dai conti in valuta estera della ex-Jugoslavia

L’alta funzionaria del Ministero degli affari esteri ed europei della Croazia, Andreja Metelko-Zgombic, ha dichiarato che la Croazia insisterà sul fatto che la Serbia restituisca i fondi da lei spesi nei conti in valuta estera durante il crollo della Jugoslavia.

“La Croazia insisterà sull’individuazione di come questi fondi siano scomparsi e sulla ricerca dei meccanismi adeguati per il risarcimento da parte dello Stato successore, che li ha utilizzati utilizzati illegalmente”, ha detto la Metelko-Zgombic riferendosi alla Serbia, secondo l’agenzia “Hina”.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

La dichiarazione arriva dopo la riunione del Comitato misto permanente, l’organismo di controllo sulle successioni, che si è tenuta a Zagabria, durante la quale la Croazia ha sollevato la questione di tali fondi come un punto separato all’ordine del giorno.

Il “Vecernji List”, con sede a Zagabria, ha riferito che al momento dello scioglimento della Jugoslavia, i conti in valuta estera nelle banche straniere dell’ex Repubblica ammontavano a 645,55 milioni di dollari, che secondo l’accordo di successione avrebbero dovuto essere condivisi dagli Stati successori, ma la Serbia ha speso i soldi della Croazia che sta quindi cercando quei 148,5 milioni di dollari.

La Metelko-Zgombic ha detto ai giornalisti che è stata la Serbia ad “approvare il ritiro dei fondi da quei conti della Banca nazionale di Jugoslavia presso banche miste all’estero” e che ora la stessa deve risarcirli.

“L’accordo di successione firmato dai nuovi Stati nati dopo il crollo della Jugoslavia afferma esplicitamente che nel 2001 i conti delle banche miste della Jugoslavia ammontavano a 645,55 milioni di dollari. Successivamente, si è scoperto che non c’erano così grandi somme in questi conti, e la Serbia ha dichiarato che rimanevano solo circa 50 milioni”, ha detto il funzionario croato, anche se, ha aggiunto, è stato successivamente scoperto che aveva alcuni fondi in più.

Tutti gli Stati successori, compresa la Serbia, sono d’accordo sul fatto che l’argomento dovrebbe essere discusso e in un periodo di tempo, breve o più lungo, si dovrà trovare una soluzione attraverso i canali diplomatici e attraverso il dialogo.

L’accordo di successione non designa formalmente un organo al di sopra degli Stati firmatari atto a prendere una decisione definitiva o giudicare sulle loro controversie, e qualsiasi decisione richiede quindi l’unanimità di tutti gli Stati.

“Vecernji List” ha riferito che la Croazia ha prove che il denaro comune è stato utilizzato negli anni ’90 per pagare i debiti esteri delle società serbe e che il Paese ha specificamente incaricato le banche di non utilizzarlo per le altre Repubbliche.

Poiché i fondi previsti dall’accordo di successione avrebbero dovuto essere condivisi dagli Stati successori, in modo che la Croazia ricevesse il 23% del totale, ovvero 148,5 milioni di dollari, lo Stato croato sta ora rivendicando il denaro dalla Serbia nel processo di successione.

A seguito della riunione del Comitato misto permanente, la Metelko-Zgombic ha anche affermato che gli Stati nati dopo il crollo della Jugoslavia hanno concordato che i lavori sull’attuazione dell’accordo di successione dovrebbero essere accelerati. La stessa ha detto che la cosa va a rilento perché è necessaria l’unanimità di tutti, ma ha sottolineato che quando tutti gli Stati sono d’accordo si può contare sull’attuazione della proposta.

https://www.danas.rs/politika/hrvatska-ce-ustrajati-da-srbija-kompenzuje-potrosena-sredstva-s-deviznih-racuna-sfrj/

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Croazia, fondi, jugoslavia, Metelko-Zgombic
Nessuna “Nuova Jugoslavia”: Serbia, Albania e Macedonia del Nord formano una “Piccola Schengen”?

Il miliardario Elon Musk annuncia l’espansione della “Tesla” in Serbia e Croazia

Close