La crisi profonda dell’industria della musica in Serbia

Locali notturni chiusi, lavoro limitato dei bar, matrimoni cancellati come i concerti e le feste. “Possiamo solo sederci e tenerci la testa fra le mani”, affermano i musicisti, in particolare quelli che vivono grazie alla musica suonata dal vivo.

Da metà marzo, da quando è stato imposto lo stato di emergenza, nessuno è stato in grado più di lavorare. Dalla revoca dello stato di emergenza qualcosa si è visto all’inizio di maggio, ma non come nel periodo degli anni precedenti, e alla fine di giugno, dopo le elezioni, è ricominciata la storia dei divieti e delle chiusure delle strutture di ristorazione.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Già all’inizio di luglio, città dopo città, comune dopo comune, hanno iniziato di nuovo a vietare matrimoni e feste, in cui la cosa indispensabile e che tutti vogliono è la musica.

I matrimoni sono stati considerati un grande focolaio di coronavirus. Pertanto, l’Unità di crisi ne ha vietati diversi a Vrbas perché responsabili dello scoppio del virus in questa parte della Vojvodina, e poi in tutta la Serbia.

La prima metà dell’anno è stata terribile per i musicisti e le prospettive future sembrano ancora peggiori.

Dušan Golubović, presidente del Sindacato Indipendente degli Artisti, sottolinea che i musicisti portano un pesante fardello, perché se non possono lavorare non guadagnano una lira.

“Tutto ciò che riguarda la ristorazione si trasferisce ai musicisti, i quali svolgono principalmente le loro attività nelle strutture di ristorazione. La situazione è molto brutta. Dopo la revoca dello stato di emergenza speravamo che potesse iniziare la stagione, ma ora l’epidemia si è nuovamente intensificata e non sappiamo cosa faremo e come procedere”, afferma Golubović.

Alcuni dei ristoranti più famosi di Belgrado, per non parlare delle piccole città, non potrebbero nemmeno esistere senza la musica.

“Una buona parte della ristorazione dipende dal fatto che abbiano o no un programma musicale”, afferma Golubović.

Dopo la revoca dello stato di emergenza, a maggio, il tradizionale mese dei matrimoni, sono iniziati gli affari perché la gente “aveva fame” di ristoranti e musica.

“Poi di nuovo la chiusura. Molte persone si guadagnano da vivere solo con la musica. I musicisti perdono il lavoro e sarebbe corretto per quelli indipendenti ottenere un aiuto dallo Stato. Qui stiamo parlando di coloro che sono registrati come musicisti, e non di quelli che hanno le loro aziende o sono impiegati da qualche parte, e suonano o cantano come attività integrativa. Queste persone sono totalmente senza reddito. Molte persone che li vedono in tv pensano che guadagnino molto. È vero invece che la maggior parte suona per i soldi. A volte c’è la mancia, a volte non c’è niente. Una percentuale minore di coloro che vediamo nei media guadagna qualcosa di meglio. E molte di quelli non sono nemmeno considerati artisti”, afferma Golubović.

Radomir Nikolić, bassista della famosa band di Belgrado “Blah blah”, afferma per “Danas” che lo stato di emergenza per i musicisti era assolutamente straordinario perché non c’era lavoro.

“Ogni band della città ha una base, un ufficio, e guadagna di più nelle celebrazioni private. Se non c’è festa non ci sono soldi. Non hai un congedo per malattia o ferie. Non esiste alcuna associazione che ti pagherà, ad esempio, il 30% del tuo stipendio fino a quando non potrai lavorare. E questo è un male, e da quanto ne so qualcosa del genere esisteva prima”, spiega l’artista.

“In questo momento, rimaniamo in silenzio e in attesa. Avevamo organizzato dei concerti all’estero. Avevamo già comprato i biglietti, le attrezzature erano pronte per il trasporto ma tutto è stato rinviato perché il virus non è solo qui ma ovunque”, dice Nikolić.

Secondo lui, questa situazione è un grosso problema per l’industria della musica perché “il 99% degli altri musicisti si guadagna da vivere suonando. Non hanno nessun altro lavoro, e perché poi dovrebbero averne uno quando si occupano di questo”, conclude.

https://www.danas.rs/ekonomija/nema-svirki-nema-ni-prihoda-video/

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Belgrado, crisi industria musicale
A rischio abbattimento il parco di Kosutnjak; lanciata un’iniziativa cittadina per difenderlo

Proteste pacifiche in Serbia; a Belgrado chiesto il rilascio dei manifestanti arrestati

Close