La coreana “Yura” nega le accuse di licenziamenti di massa e mobbing

Il direttore generale della società sudcoreana “Yura” in Serbia, PJ Hwan, ha dichiarato che non ci sono licenziamenti di massa o pratiche di mobbing nella fabbrica di Leskovac o negli altri due stabilimenti in Serbia, nonostante le voci sempre più insistenti.

In una conferenza stampa, Hwan ha detto che è vero che il volume del lavoro della “Yura” è stato ridotto, ma che non ci sono stati licenziamenti di massa. “Tutti parlano di come abbiamo licenziato i lavoratori, ma non è vero, sono solo scaduti i contratti”.

Ha aggiunto che il numero totale di lavoratori a Leskovac potrebbe essere stato ridotto, ma che ci sono più persone neoassunte in alcuni settori. “Tentiamo di mantenere tutti i nostri lavoratori permanenti e di farli lavorare in modo sicuro e stabile nella nostra azienda”, ha aggiunto.

Hwan ha prima riso della dichiarazione dei giornalisti secondo cui un gran numero di lavoratori si lamenta di mobbing, e poi ha negato tali affermazioni.

“Non credo che succeda e sostengo che il mobbing non esiste nella nostra azienda. Avete detto che è punibile per legge in Serbia, ma è punibile anche in Corea. Nel tempo in cui viviamo, è impossibile che ciò accada. Nessuno mi ha detto che è successo nella nostra azienda”.

Lo stesso ha aggiunto che non è vero che i lavoratori non possono contattare i datori di lavoro dalla Corea.

“Abbiamo delle scatole per raccogliere le osservazioni dei lavoratori negli stabilimenti; i dirigenti non possono leggerle, ma io sì. Inoltre, ogni mese teniamo una riunione congiunta con i nostri associati, dove scambiamo delle opinioni e ascoltiamo i loro problemi e le loro lamentele”.

Hwan infine ha sottolineato che la “Yura” a Leskovac ha l’obbligo di impiegare 2.200 lavoratori, e che attualmente ne impiega 3.200.

https://www.danas.rs/ekonomija/direktor-jure-negirao-tvrdnje-o-masovnim-otpustanjima-i-mobingu-radnika/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top