La Commissione europea lancia un’agenda digitale per i Balcani occidentali

A Sofia, la Commissione europea ha lanciato un’agenda digitale per i Balcani occidentali al fine di sostenere la transizione della regione all’economia digitale e consentirle di beneficiare della trasformazione digitale, come la crescita economica, l’occupazione e servizi migliori.

La Commissione e i Ministri dei Paesi dei Balcani occidentali (Serbia, Albania, Bosnia, Montenegro, Macedonia e Kosovo), si concentreranno sugli investimenti, sul miglioramento della sicurezza informatica, sul rafforzamento dell’economia e della società digitale e sul progresso della ricerca e dell’innovazione.

La Commissaria europea per la società e l’economia digitale, Maria Gabriel,  ha sottolineato che l’avvio dell’agenda digitale per i Balcani occidentali dovrebbe garantire ai cittadini della regione di trarre vantaggio dalla rapida e inevitabile trasformazione digitale.

“L’agenda digitale garantirà ai cittadini di acquisire le competenze richieste dalla nuova economia e contribuirà alla modernizzazione della pubblica amministrazione, rafforzerà la sicurezza informatica, e migliorerà la connettività e il clima economico”, ha affermato la Gabriel.

Vuoi aprire una società in Serbia in pochi giorni? Clicca qui!

La CE ha dichiarato in una dichiarazione che, nell’ambito della regione del WBIF (Western Balkans Investment Framework), saranno disponibili 30 milioni di euro per infrastrutture al fine di mobilitare gli investimenti strategici e di accelerare la crescita socioeconomica. All‘Albania è già stato confermato il pacchetto di assistenza tecnica dal WBIF come uno dei primi pacchetti di investimento.

Nel campo della sicurezza informatica, l’UE e i Balcani occidentali hanno un obiettivo comune, ovvero quello di migliorare la sicurezza online e la fiducia. L’agenda digitale sosterrà anche l’e-government, l’e-procurement, l’e-health e contribuirà a migliorare le competenze digitali dei cittadini.

Ciò avverrà incoraggiando la partecipazione dei Balcani occidentali alle iniziative dell’UE, compreso il summit EU-Startup del 2020 a Sofia. Questo consentirà ai start-up regionali di connettersi con l’Europa, promuovendo così la capacità di programmazione e di alfabetizzazione digitale nella regione.

Per quanto riguarda la ricerca e l’innovazione, l’agenda digitale contribuirà alla creazione di centri di ricerca nazionali, svilupperà nuove infrastrutture elettronice nei Balcani occidentali e si integrerà nello spazio europeo della ricerca digitale.

“Questi sforzi porteranno ad una migliore formazione per le nuove generazioni di ricercatori e ingegneri, e contribuiranno al miglioramento della cooperazione interdisciplinare in tutta Europa”, ha affermato la Commissione europea.

(http://rs.n1info.com/a398996/Svet/Region/Evropska-komisija-pokrenula-Digitalnu-agendu-za-Zapadni-Balkan.html)

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Commissione Europea, digitale, economia digitale
ue
DIE ZEIT: La Serbia valuta la possibilità di abbandonare l’UE

La Commissione Europea per il 2018 prevede la crescita economica più rapida della Serbia negli ultimi 10 anni

Close