La cinese Zijin Mining Group interessata al complesso di Bor

La gara per la selezione del partner strategico del bacino minerario della città di Bor sarà annunciata entro la fine di maggio, ha confermato la RTS.  Dicono anche che i rappresentanti della compagnia cinese “Zijin Maining Group” sono stati già a Bor.

Il grande interesse della società cinese “Zijin” per la partnership nella miniera è confermato dal fatto che 35 esperti hanno analizzato tutti i segmenti della produzione e delle operazioni passate fino ad oggi.
Il general manager della miniera di “Bor” Blagoje Spaskovski, sottolinea che l’azienda cinese vuole investire ed aumentare la produzione di circa tre volte quella attuale: “Ciò significa che la quota di partecipazione della RTB (miniera di Bor) al PIL della Serbia passerà dall’attuale 0,8 al 3,3 per cento. Devo anche comunicare che i lavoratori attuali non saranno licenziati, anzi, per tutti quelli che avranno l’opportunità di lavorare con noi, avranno stipendi più alti”, ha detto Spaskovski.
Oltre allo sviluppo della carriera che garantisce ai propri dipendenti, questa società cinese è nota per aver applicato i più alti standard di sicurezza sul lavoro e di protezione ambientale.
“Possiamo solo essere grati del fatto di avere l’opportunità di lavorare con i cinesi, che sono riconosciuti come un ottimo partner negli investimenti, una dimostrazione lo è stata la privatizzazione della fonderia di Smederevo”, ha detto Ljubodrag Savić,  professore presso la Facoltà di Economia di Belgrado.
“Zijin” è uno dei maggiori produttori di oro cinesi ed il secondo per l’estrazione di rame – la produzione annuale di vari metalli raggiunge 450.000 tonnellate. Dicono che il loro obiettivo è diventare leader nell’estrazione mineraria internazionale.”Stanno già partecipando a determinati progetti nell’Africa subsahariana, Perù, Australia e sono interessati a trasferire determinate attività in Europa, a causa del famoso progetto” One Belt – One Way”, ha dichiarato il direttore della camera di commercio, Bojan Stanić.
La miniera di “Bor” ha 5.100 dipendenti. A causa dell’aumento del prezzo del rame sul mercato mondiale e di una maggiore produzione, dallo scorso anno ha registrato risultati migliori. Entro l’anno 2010, tre tentativi di privatizzare la miniera di Bor non hanno avuto successo.

 

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top