La CE propone un commercio dell’UE più semplice con 19 Paesi, compresa la Serbia

La Commissione europea ha adottato un pacchetto di proposte volte ad aumentare il commercio tra l’UE e i Paesi vicini nella regione pan-mediterranea, compresa la Serbia. La Commissione afferma che le proposte modernizzeranno gli accordi commerciali preferenziali dell’UE con 20 partner commerciali rendendo le “regole di origine della merce più flessibili e favorevoli alle imprese”, il tutto al fine di accelerare la ripresa economica, l’assistenza regionale e la cooperazione.

Oltre alla Serbia, le modifiche proposte includono accordi commerciali bilaterali dell’UE con Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera, Isole Faroe, Turchia, Egitto, Israele, Giordania, Libano, Palestina, Georgia, Repubblica di Moldova, Ucraina, Albania, BiH, Macedonia del Nord, Montenegro e Kosovo.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Le “regole di origine” sono necessarie in qualsiasi accordo commerciale, poiché determinano quali merci possono avere la precedenza e essere incluse in un trattamento preferenziale.

Per le merci con origine preferenziale valgono le condizioni di importazione con aliquote doganali inferiori o addirittura a zero, a seconda del trattamento tariffario preferenziale.

https://biznis.telegraf.rs/info-biz/3228918-ek-predlaze-laksu-trgovinu-eu-sa-19-zemalja-sta-to-znaci-za-srbiju

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in CE, commercio, regole di origine, Serbia, tariffe doganali
I medici italiani aiutano la Serbia a combattere il COVID-19

caldo
L’ondata di caldo è arrivata anche in Serbia

Close