La catena commerciale russa “MERE” arriverà presto in Serbia

La terza più grande catena di vendita al dettaglio in Russia, nota lì come “Svetofor” e in Europa con il nome “MERE”, potrebbe arrivare presto sul mercato serbo. Secondo il portale Retail Serbia, “MERE” aprirà 100 negozi in Serbia e ciascuno coprirà circa 1.000 metri quadrati.

Ciò che è particolarmente interessante per i consumatori, non tanto per la concorrenza, è che nei 10 Paesi in cui opera questa catena di vendita al dettaglio, la sua politica si basa sul basso prezzo. Così, ha annunciato Retail Serbia, sarà anche in Serbia.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Ogni anno, ultimamente, qualcosa in Serbia scuote il terreno della vendita al dettaglio, meno di due anni fa “Lidl” ha aperto i suoi primi punti vendita in Serbia e ha fatto boom in poco tempo, strappando in pochi mesi oltre il 3% degli affari alla concorrenza.

Successivamente, la fetta è aumentata ulteriormente fino a oltre il 10% e ha portato ai consumatori qualcos’altro: prezzi inferiori rispetto ad altri concorrenti e prodotti che non avevano fino ad ora.

Questo, però, non ha influito molto sull’attività delle altre catene, i ricavi sono stati inferiori ma nessuno ha chiuso i negozi. Negozi come “Aroma”, che si sta diffondendo a Belgrado, o “Aman”, che ha ampliato la propria attività da Belgrado al sud del Paese acquistando i negozi “Orion”, sono un esempio concreto che anche la concorrenza può essere stimolante.

C’è ovviamente posto per tutti, anche per la catena russa, i cui negozi hanno già sugli scaffali alcuni prodotti serbi, come “Svisslion”.

Secondo Sasa Djogovic, associato dell’Istituto per le ricerche di mercato, la catena non avrà problemi a inserirsi perché, come dice, c’è un forte sentimento russo in Serbia.

“A seconda della strategia e di quanto sarà e in che modo si espanderà, credo che conquisterà gradualmente il nostro mercato, e se entrerà con un numero maggiore di strutture, come annunciato, presumo che partirà da Belgrado verso altri grandi centri”, ha detto Djogovic a “Danas”.

Lo stesso ricorda che il mercato al dettaglio in Serbia è attualmente ben presente e che “Delhaize, Idea, Mercator, DIS” e recentemente “Lidl” hanno un ruolo importante, ma che per i russi la Serbia è l’ideale per vendere le loro merci.

“Ci vorrà del tempo, ma avrà successo grazie al sentimento che esiste qui nei confronti della Russia, perché qui tutto ciò che è russo è sempre ben visto”, osserva Djogovic.

La catena russa in Europa conosciuta come MERE ha in programma di aprire 100 negozi in Serbia, e si prevede che i prezzi dei prodotti sugli scaffali saranno più bassi del 20%.

https://www.danas.rs/ekonomija/ruski-trgovinski-lanac-mere-uskoro-u-srbiji/

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in catena di negozi, Lidl, MERE, Russia
Gli impresari serbi costruiscono di più in Russia, Germania e Arabia Saudita

In Serbia altri 102 contagiati e 4 morti

Close