La caduta dell’industria cinematografica serba

In molti modi, siamo in ritardo rispetto al resto del mondo. L’industria cinematografica serba non ha l’obbligo di elevarsi al di sopra dell’attuale situazione sociale poiché, dopo tutto, è anche il prodotto di una tale società.

L’ultima edizione del FEST ha pienamente dimostrato la spiacevole situazione della produzione cinematografica serba contemporanea. Questa entità chiamata film serbo è stata la parte più debole del programma FEST, che è considerato il più grande festival cinematografico del nostro paese e che, nel complesso, merita un voto positivo. Beh, almeno per quello che abbiamo visto sul grande schermo …

Con la scomparsa, sia dal mondo del cinema o del mondo, dei registi più importanti come Zika Pavlovic, Sasa Petrovic, e Dusan Makavejev, per non parlare di Emir Kusturica, la cui carriera è agli sgoccioli, registi come Paskaljevic, Goran Markovic , Purisa Djordjevic, Djido Karanovic e Misa Radivojevic, che non dirigono da molto tempo, o Darko Bajic, Milos Radovic e Miroslav Lekic, che non hanno avuto nessun film valido per un po ‘di tempo, o persino Rasa Andric che è semplicemente scomparso dal mondo del cinema, si può tranquillamente affermare che la produzione cinematografica serba è stata ridotta ad una manciata di bravi registi.

Questi sono Srdan Golubovic, che sta cercando di lanciare un nuovo progetto da molto tempo ormai, Vuk Rsumovic, che ha diretto uno dei pochissimi film recentemente definiti “Nobody’s Child”, Oleg Novkovic, un regista dallo stile unico che ci ha mostrato, con il suo film “Homeland”, che ha sicuramente qualcosa di degno da dire, e forse il più nuovo e agile regista, che è in realtà un attore professionista, Dragan Bjelogrlic.

Potremmo citare anche Miroslav Momcilovic, Milorad Milinkovic e Goran Radovanovic. Tutti che sono per lo più giovani registi con un solo un film o due finora, probabilmente mostreranno il loro valore nei loro prossimi progetti, se ci saranno. Tra questi anche Vuletic, Vuckovic, i due Djordjevics, Milos, Filipovic, Beckovic (forse la più grande speranza per il film serbo), Ikic, Lezaic e Kostic.

Dovremmo anche aggiungere a questo gruppo gli autori i cui film sono stati proiettati al FEST di quest’anno – Petar Pasic (“About Bugs and Heroes”), Lazar Bodroz (“Ederlezi Raising”) e il maestro del cinema, Dejan Zecevic (“The Mavericks”) . Sfortunatamente, nessuno di questi tre film potrebbe essere considerato eccellente. Non sono male, ma sicuramente mancano qualcosa.

FEST ha reso loro un grande onore, consentendo loro di presentarsi al festival e ricevere premi di fronte a 3.000 persone (che per la maggior parte sono venute a vedere l’ultima esibizione di Daniel Day-Lewis). Tuttavia, li abbiamo anche danneggiati confrontandoli con gli ultimi film di Hollywood e quelli dei paesi limitrofi.

La produzione cinematografica ungherese è molto più avanti della nostra, mentre il film rumeno sta vivendo la sua età dell’oro proprio come il film serbo ha fatto ai tempi di Zika Petrovic, Makavejev, Zilnik, Djordjevic, Kusturica, Paskaljevic e Markovic. La produzione cinematografica croata è migliore della nostra come anche quella greca. Sembra che il denaro non sia la cosa più importante! Non siamo in grado di fare un film semplice come i Greci hanno fatto con “Amerika Square” che è stato presentato al FEST, o il film di Genovese “The Place” che si svolge in un solo luogo.

Siamo a miglia di distanza dal capolavoro a basso budget di Milutin Petrovic “La terra della verità, dell’amore e della libertà”, che è stato girato all’inizio di questo secolo. È stato molto difficile guardare “The Mavericks” senza ripensare costantemente ai successi cinematografici di Zecevic dall’inizio della sua carriera, ai suoi piccoli capolavori e persino ai suoi grandi film di studenti.

Come antidoto alla nascente produzione cinematografica serba, vorremmo citare alcuni dei migliori film presentati al 46 ° FEST, scelti dai nostri redattori. Si prega di notare che la loro classifica non corrisponde alla loro qualità.

  • ‘The Shape of Water’, Guillermo Del Toro
  • ‘The Square’, Ruben Oestlund
  • ‘Racer and the Jailbird’, Michaël R. Roskam
  • ‘Insult’, Ziad Doueiri
  • ‘Three Billboards Outside Ebbing, Missouri’, Martin McDonagh
  • ‘The Charmer’, Milad Alami
  • ‘Hitler’s Hollywood’, RüdigerSuchsland
  • ‘You Were Never Really Here’, Lynne Ramsey.

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... cinema, FEST
Kraftwerk
Fest, Kraftwerk, fiera del turismo e molto altro nel fine settimana!

Bombardamenti NATO del 1999: in arrivo documentario sugli effetti disastrosi

Chiudi