Serbian Monitor

La Brnabic annuncia la riduzione delle tasse sui guadagni

La Premier Ana Brnabić ha detto che il governo sta andando nella giusta direzione nel campo del lavoro e delle relazioni legali, ma che ci sono ancora molti problemi da risolvere. Dopo l’incontro con i rappresentanti della Federazione dei sindacati indipendenti della Serbia (SSSS), la Premier ha dichiarato che lo Stato ridurrà le tasse e aumenterà la parte non imponibile dei guadagni per ridurre le conseguenze della pandemia ai datori di lavoro.

“È incoraggiante che abbiamo una continua crescita degli stipendi e che la proposta di bilancio per il 2022, che presenterò all’Assemblea nazionale, proponga una crescita del prezzo minimo del lavoro del 9,4% quest’anno, che supera il minimo di 35.000 dinari”, ha detto la Brnabic.

Ha aggiunto che la crescita del prezzo minimo del lavoro sarà molto più alta della crescita del prodotto interno lordo (PIL) quest’anno, che dovrebbe essere “poco più del 7%”. “Soprattutto è stato drammaticamente diverso nel 2020 nel momento della peggiore crisi, quando il minimo è stato aumentato del 6,6% e abbiamo avuto un calo economico dello 0,9%”, ha affermato la stessa.

La Brnabic ha anche detto che durante l’incontro sono stati confrontati gli stipendi da agosto 2014 ad oggi e che è stato stimato che la crescita degli stipendi nel settore pubblico è stata del 42% in termini reali del 52%.

“Quel divario tra gli stipendi nel settore pubblico e gli stipendi nell’economia è leggermente diminuito, ora è leggermente superiore al 14%, ed era oltre il 20%”, ha spiegato. Ha anche ricordato che il budget per il prossimo anno proponeva un aumento degli stipendi nel settore pubblico del 7,4%.

Ha aggiunto che il pacchetto di misure di sostegno statale durante la pandemia, del valore di 8 miliardi di euro, mirava a prevenire un aumento della disoccupazione e che durante la pandemia sono stati creati 60.000 nuovi posti di lavoro. “Stiamo cercando di creare un ambiente aziendale sicuro e prevedibile in modo che l’occupazione cresca continuamente e, con la crescita dell’occupazione, i salari medi aumenteranno lentamente sul mercato, e anche il prezzo minimo del lavoro”, ha affermato la Brnabić.

Il presidente della Federazione dei sindacati indipendenti della Serbia, Ljubisav Orbović, ha sottolineato che i sindacati sono pronti a proseguire i colloqui con il governo serbo e che la questione più importante per loro è la crescita dei salari e del salario minimo. Ha affermato che i sindacati “hanno partecipato alle trattative sul salario minimo, ma non hanno negoziato” e che un tale metodo è inaccettabile in futuro.

“È importante che nel prossimo periodo negoziamo e discutiamo con i sindacati, soprattutto nel settore pubblico, su quali saranno gli stipendi per il prossimo periodo, ovviamente in base alle possibilità che abbiamo come Stato in questo momento”, dicendo che molto importante è anche la questione del settore reale, in cui, secondo lui, vengono licenziati i lavoratori di alcune aziende e vietata l’organizzazione sindacale.

Parlando dei lavoratori vietnamiti che lavorano nel cantiere della fabbrica cinese di pneumatici “Linglong”, Orbović ha valutato che l’evento ha portato a “una grande disgrazia per la Serbia” e che il ruolo più importante è stato svolto dalle agenzie che hanno portato i lavoratori in Serbia, i quali hanno avuto condizioni di alloggio inaccettabili.

Brnabić najavila smanjenje poreza na zarade

This post is also available in: English

Exit mobile version