La BERS sta lavorando a uno studio di fattibilità per un impianto solare termico a Pancevo

La Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) sta lavorando a uno studio di fattibilità per il progetto di un impianto solare termico a Pancevo, in cui si prevede l’installazione di 35.000 metri quadrati di collettori solari, nonché un magazzino sotterraneo stagionale di 150.000 metri cubi, ha riferito la direttrice della BERS per i Balcani occidentali, Zsuzsanna Hargitai.

“Questa tecnologia consente di utilizzare il solare termico in estate quando c’è il sole, ma anche in inverno utilizzando le eccedenze estive immagazzinate in depositi stagionali”, ha dichiarato la Hargitai in una conferenza sulle energie rinnovabili negli impianti di teleriscaldamento, nell’ambito del 50° congresso internazionale KGH (aria condizionata-riscaldamento, raffreddamento).

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Soluzioni simili sono già in preparazione per Bor e Novi Sad, mentre Valjevo e Sabac hanno manifestato interesse per gli investimenti relativi all’uso di pompe di calore, che utilizzano il calore di scarto degli impianti di trattamento delle acque reflue.

“Speriamo che Belgrado confermi presto i suoi interessi, ci stiamo lavorando” ha aggiunto la Hargitai.

La BERS, in collaborazione con il governo austriaco, ha istituito un programma per le energie rinnovabili nel teleriscaldamento e nel raffreddamento nei Balcani occidentali, con l’obiettivo di sviluppare ulteriormente il mercato. Quando si tratta di investimenti in fonti di energia rinnovabile e anche di teleriscaldamento e raffreddamento, sono importanti la preparazione degli studi, la documentazione dei progetti, i documenti di pianificazione delle amministrazioni locali…

“Vogliamo anche sostenere lo sviluppo di un progetto che sarebbe finanziato attraverso partenariati pubblico-privati mediante gare trasparenti”. La stessa ha affermato che finora sono stati erogati 4 milioni di euro dal governo austriaco solo per lo studio, mentre la BERS contribuirà al finanziamento dei progetti.

Il portavoce del Ministero delle finanze austriaco Peter Holzi ha dichiarato di lavorare con istituzioni finanziarie internazionali per affrontare il cambiamento climatico e i suoi effetti negativi e vuole sostenere la “crescita verde”, che è uno dei settori chiave quando si tratta di creare economie sostenibili e combattere i cambiamenti climatici.

“Siamo fermamente convinti di poter offrire buone soluzioni e risposte”, ha affermato.

Il Ministro serbo delle miniere e dell’energia, Milos Banjac, ha dichiarato che inizialmente era programmato che le singole unità delle amministrazioni locali sovvenzionassero il sistema di teleriscaldamento, e passassero all’utilizzo di nuove fonti energetiche ma, poiché non ci sono riuscite, è stato avviato un progetto con la Banca di sviluppo tedesca e l’Agenzia svizzera per la cooperazione internazionale, il che significa che negli impianti di riscaldamento sarà lanciato un programma per passare dai combustibili fossili convenzionali all’uso della biomassa.

Dal momento che esiste un grande potenziale per l’utilizzo della biomassa, i prossimi passi saranno di andare oltre gli impianti esistenti verso una percentuale maggiore nell’uso di fonti di energia rinnovabili.

https://www.ekapija.com/news/2713020/ebrd-radi-na-izradi-studije-izvodljivosti-za-solarno-termalni-projekat-u-pancevu

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... BERS, Hargitai, Pancevo
Lo Stato serbo ha acquistato il 34% delle azioni di “Komercijalna Banka”

Lo Stato donerà un terreno del valore di 1,5 milioni di euro alla società tedesca “Brose”

Chiudi