La Banca Mondiale aumenta ancora le previsioni di crescita economica in Serbia

Nel rapporto autunnale sulle prospettive economiche mondiali, la Banca mondiale ha nuovamente aumentato le previsioni di crescita economica in Serbia per il 2021, dal 3,1% di gennaio, al 5% di giugno e ora al 6%. Un altro rapporto è in arrivo entro la fine dell’anno e la previsione del governo è di chiudere l’anno con una crescita del 7%.

Il rapporto della Banca mondiale afferma che l’economia serba si sta riprendendo dalla crisi dovuta alla pandemia. Ciò è supportato dai dati che nel primo trimestre di quest’anno la crescita del prodotto interno lordo è stata dell’1,8% maggiore rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e nel secondo trimestre del 13,7%. Dietro a ciò, il fatto che sia lo Stato che l’economia hanno fatto bene il loro lavoro.

“Il sostegno che la Repubblica di Serbia ha dato ai cittadini e all’economia ha un effetto serio e forte sulla correzione della crescita e sui risultati che abbiamo. Dal punto di vista della popolazione, abbiamo soddisfatto la domanda. Dal punto di vista economico, abbiamo mantenuto un elevato livello di liquidità. Di conseguenza, il tasso di disoccupazione è riuscito a essere tenuto sotto controllo”, ha detto a “RTS”, Sasa Stevanovic, segretario di Stato presso il Ministero delle Finanze.

Secondo i dati del Ministero delle Finanze, finora sono stati pagati quasi due miliardi di euro per i progetti di capitale, senza contare le aziende pubbliche e le autonomie locali, dal budget previsto sono infatti stati stanziati 430 miliardi di dinari, come mai prima d’ora.

A ciò vanno aggiunti, secondo alcune stime, circa 40.000 edifici in costruzione in Serbia, che fanno dell’edilizia il motore dello sviluppo. “Con il 20% di quota le costruzioni attualmente partecipano al PIL, cosa mai stata registrata prima o solo forse negli anni del dopoguerra. Questa è davvero l’età dell’oro per i costruttori”, sottolinea Veselin Raznatovic, dell’Unione dei datori di lavoro della Serbia.

Anche commercio, trasporti, servizi finanziari e tecnologie dell’informazione e della comunicazione hanno contribuito all’ottenimento di risultati migliori, mentre la produzione industriale e l’agricoltura rimarranno al livello originariamente previsto.

https://www.b92.net/biz/vesti/srbija.php?yyyy=2021&mm=10&dd=10&nav_id=1934601

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top