L’83% dei politici in Serbia mentono

“Il controllo dei fatti non è qualcosa che solo i giornalisti dovrebbero fare. È importante scoprire quanto è vero tutto ciò che ascolti o leggi in qualsiasi segmento della società,sopratutto in politica. La sopravvivenza di una società che ha (o sostiene di avere) un sistema democratico dipende dal fatto che sia fatta di cittadini veramente informati “, dice Milka Domanovic di Istinomer. (www.istinomer.rs)

L’anno scorso l’Istinomer ha valutato circa 140 dichiarazioni di 32 politici e funzionari pubblici serbi. Su un totale di 92 voti nella categoria della veridicità, nell’83% dei casi i politici hanno raccontato bugie. Solo sei dichiarazioni rilasciate lo scorso anno sono state valutate come “vere”. Per quanto riguarda le promesse, delle 37 promesse valutate, il 92% non è stato mantenuto e solo l’8% lo è stato.

Siccome negli ultimi anni, il più alto numero di dichiarazioni valutate (il 40%) è stato dato dal presidente serbo Aleksandar Vucic, che è dovuto al fatto che il presidente ha avuto una copertura mediatica significativamente maggiore rispetto ai ministri del governo e ad altre parti interessate politiche.

Il sindaco di Belgrado, Sinisa Mali, è al secondo posto con 15 dichiarazioni valutate, seguite dal vice primo ministro e ministro delle costruzioni, dei trasporti e delle infrastrutture Zorana Mihajlovic con 10 dichiarazioni valutate e infine  il primo ministro Ana Brnabic con 9 dichiarazioni.

( https://www.danas.rs/politika/izjave-politicara-u-srbiji-83-odsto-neistinite/ )

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Aleksandar Vucic, Brnabic, Sinisa Mali
Mihajlovic: “Catasto completamente digitalizzato entro il 2020”

Vucic : “Thaci ha in piano di cancellare l’enclave serba dal Kosovo”

Close