L’83% degli adulti serbi pensa di lasciare il proprio Paese

Il team “InfostudData” ha condotto un sondaggio lungo 9 mesi per scoprire, sulla base dei dati negli annunci di lavoro, in quali Paesi la popolazione serba emigra più spesso. L’idea è quella adottare misure più efficienti per combattere il deflusso della popolazione in età lavorativa nel Paese.

La ricerca è stata organizzata dal laboratorio “UNDP” per lo sviluppo accelerato in Serbia in collaborazione con il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (UNFPA), e il supporto dell’Organizzazione tedesca per la cooperazione internazionale (GIZ).

Alla domanda se stanno pensando di lasciare il proprio Paese, l’83,1% degli intervistati ha dichiarato di pensare di partire e solo il 17% non pensa di emigrare dalla Serbia. Gli intervistati che vorrebbero trasferirsi fuori citano come motivo: “Vivere in un sistema organizzato” (42%), “Avere opportunità per un reddito migliore” (29%), nonché “Essere in un ambiente sociale più sano” (15%).

Di coloro che pensano di emigrare dal Paese, non è incoraggiante il fatto che l’84% vorrebbe trasferirsi a lungo termine, cioè in modo permanente, mentre il 16% di coloro che intendono emigrare tornerebbe entro un anno, probabilmente dopo aver guadagnato qualcosa o aver acquisito l’esperienza desiderata.

Quando analizziamo le destinazioni sognate, vediamo che i Paesi dell’Europa occidentale (Germania, Austria, Gran Bretagna) dominano con il 63%; poi il Nord America (USA e Canada) con quasi il 17%; poi Australia e Nuova Zelanda con il 6%; e al quarto posto ci sono i Paesi della regione (Slovenia, Ungheria, Croazia) con quasi il 6%.

Alla domanda sul perché così tante persone vogliono lasciare quest’area, la maggior parte delle risposte sono legate a problemi economici e sociali che affliggono la società.

Il primo motivo è la cattiva situazione economica (44%), poi il fatto che le leggi non si applicano a tutti allo stesso modo (16%), così come la cattiva situazione politica (13%) o la selezione sociale negativa (11%).

Nonostante l’ampia percentuale di intervistati che sta pensando di andarsene, la maggior parte di loro è passiva su questo tema. I risultati mostrano infatti che solo il 23% di coloro che sono ancora a scuola e il 36% degli intervistati che si trovano nel mercato del lavoro stanno lavorando attivamente a un trasferimento.

In termini di motivazioni a partire, gli intervistati che già lavorano o sono disoccupati, vogliono principalmente vivere in un sistema organizzato (44%), guadagnare meglio (30%) e stare in un ambiente sociale più sano (15%); la popolazione studentesca più spesso afferma anche motivazioni come: formazione continua in una buona università straniera (8%), formazione professionale (9%) e acquisizione di nuove esperienze di vita (10%).

https://www.danas.rs/ekonomija/istrazivanje-cak-83-odsto-ispitanika-razmislja-da-ode-iz-srbije/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... ambiente sociale, emigrazione, Europa Occidentale, guadagno, sistema organizzato
stipendio
Aumentano gli stipendi in Serbia; la metà è però sotto i 48.000 dinari

emigrazione
Solo istituzioni forti impediscono ai giovani di emigrare

Chiudi