Kurti: “Non ci saranno scambi di territorio con la Serbia”

Il parlamento del Kosovo ieri era in sessione straordinaria convocata su richiesta di 41 parlamentari dell’opposizione in base alla decisione del Primo Ministro delle istituzioni provvisorie di Pristina, Albin Kurti, di abolire gradualmente e condizionatamente le tasse sui prodotti serbi e della Bosnia-Erzegovina, a partire dal 15 marzo. Alla sessione hanno partecipato un piccolo numero di parlamentari e solo un ministro, Bljerim Reka.

L’Alleanza per il futuro del Kosovo, di Ramush Haradinaj, è il più feroce oppositore dell’abolizione delle tasse. Durante la sessione parlamentare di ieri, i media di Pristina hanno trasmesso la lettera che Kurti ha inviato al Presidente e al segretario di stato USA, Donald Trump e Mike Pompeo, sulla decisione di abolire le tasse sulla Serbia centrale, a partire dal 15 marzo, dapprima sulle materie prime.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Durante il dibattito, Kurti ha affermato di essere contrario allo scambio territoriale e che l’attuale presidente del Kosovo, Hashim Thaci, non ha l’autorità per firmare alcun accordo con Belgrado.

“Non accadrà. So che c’era un piano per il Kosovo di abolire le tasse e di avviare un dialogo, noi siamo per terminarlo. Non ci sarà alcun scambio di territorio”, ha affermato Kurti e Pristina costringerà Belgrado a riconoscere il Kosovo.

Lo stesso si oppone alla richiesta dell’opposizione di Ramush Haradinaj, di non abolire le tasse sui prodotti serbi e della Bosnia-Erzegovina, sostenendo che Pristina avrebbe costretto Belgrado a riconoscere l’indipendenza del Kosovo anche senza quella misura.

Parlando alla sessione, Kurti ha affermato che esistono modi molto più intelligenti per farlo e pensa che Belgrado abbia usato l’introduzione delle tasse come scusa per rifiutare il dialogo.

Lo stesso ha aggiunto che l’effetto del 100% delle imposte sui prodotti dalla Serbia centrale e dalla Bosnia-Erzegovina è minimo, poiché, come ha affermato, la misura non è stata correttamente attuata.

“Credo che le risoluzioni dell’Assemblea del Kosovo non siano solo un pezzo di carta, ma decisioni che dovrebbero essere applicate. La Serbia ha usato le tasse come scusa per rifiutare ogni dialogo. D’altra parte, l’effetto fiscale è stato minimo perché non è stato attuato correttamente. “Quando la patente di guida viene riconosciuta, lo Stato viene riconosciuto e quando lo Stato viene riconosciuto, viene accettato. Dobbiamo costringere la Serbia a riconoscerci”, ha affermato Kurti.

“Un modo più intelligente per raggiungere gli obiettivi che vogliamo è introdurre la reciprocità in ogni cosa, che, ha affermato, significa uguaglianza. L’accordo di reciprocità, che è stato adottato a Bruxelles in un’area di interesse per Pristina, non è stato attuato” ha concluso Kurti, prendendo a esempio le targhe del Kosovo che non possono essere ancora registrate in Serbia.

https://www.rtv.rs/sr_lat/politika/kurti-razmene-teritorija-nece-biti-taci-nema-ovlascenje_1098683.html

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... Haradinaj, Kosovo, Kurti, scambio di territorio
Kurti: “Dal 15 marzo inizieremo l’abolizione delle tasse sulle merci”

Il governo del Kosovo ha formato una task force per considerare l’abolizione delle tasse

Chiudi