Kurti: “Nessuna riconciliazione senza scuse, la priorità è accusare Belgrado di genocidio”

Il Premier del Kosovo, Albin Kurti, ha affermato che la priorità del suo governo è di fare causa a Belgrado per genocidio, poiché ha affermato che non vi è alcuna riconciliazione senza scuse.

Rivolgendosi al parlamento del Kosovo in una sessione speciale, Kurti ha affermato che il suo governo è “ben preparato a citare ufficialmente in giudizio Belgrado davanti alla Corte internazionale di giustizia”, ​​ma ha aggiunto che la strada sarà lunga.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

“Sarà una strada lunga da percorrere perché vogliamo assicurarci di avere successo nel processo. Ma abbiamo iniziato a lavorare in questa direzione”, ha detto Kurti.

Kurti ha anche affermato che, una volta ripreso il dialogo con Belgrado, chiederà ufficialmente che Belgrado sia ritenuta responsabile di tutti i danni che il Kosovo ha subito e che il Kosovo cercherà anche giustizia per le vittime di violenza sessuale (durante la guerra).

“Finora, questi casi non sono stati discussi nel dialogo con la Serbia. Faremo del nostro meglio per avviare delle discussioni, perché non può esserci riconciliazione senza scuse. Inoltre, non può esserci riconciliazione senza una punizione adeguata per i crimini di guerra”, ha aggiunto Kurti.

Come Premier, ha detto, ha l’obbligo di lavorare per punire i presunti crimini di guerra commessi dalle forze serbe durante i conflitti passati.

“Il silenzio e l’incapacità di proteggere è il vero crimine”, ha concluso.

https://www.novosti.rs/vesti/naslovna/politika/aktuelno.289.html:851862-Kurti-Nema-pomirenja-bez-izvinjenja-prioritet—tuziti-Beograd-zbog-genocida

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Belgrado, crimini di guerra, genocidio, Kurti
Belgrado è diventata uno dei cantieri più interessanti d’Europa

Kurti: “Non ci saranno scambi di territorio con la Serbia”

Close