Kula: due aziende italiane in arrivo

Anche se il comune di Kula si trova ad affrontare non pochi problemi, tra cui l’elevato tasso di disoccupazione, i funzionari municipali si dicono convinti che le cose siano sul punto di iniziare a girare in favore.

“L’olandese Seveplant è in procinto di aprire un impianto di produzione nella nostra zona industriale, e l’azienda prevede di assumere 50 persone. Seveplant produrrà piantine, e il loro piano è quello di aprire un impianto di trasformazione e un grande impianto di stoccaggio a freddo. Inoltre, l’azienda italiana Fiorano, che produce costumi per piscina e intimo, avvierà qui la produzione. Il piano di Fiorano è quello di assumere 300 lavoratori. Un’altra azienda italiana, Matteo, darà il via alle sue operazioni di produzione nella vicina Feketić a metà del 2018, e produrrà parti superiori di scarpe”, spiega il Presidente della Municipalità di Kula, Velibor Milojcic.

Milojcic aggiunge che il bilancio di Kula ha ottenuto un totale di 420.000 euro dalla vendita di sette ettari di terreno nella zona industriale alle suddette società, e sottolinea che queste aziende assumeranno quasi 500 lavoratori entro la metà del 2018.

Mojcic sostiene che gli investitori sono stati attratti da zona industriale di Kula perché possiede una buona infrastruttura provvista di tutti gli elementi necessari per la produzione. Il Capital Investment Administration ha destinato anche 8 milioni di dinari per l’installazione di illuminazione nella zona.

“I terreni che vendiamo più velocemente sono quelli nella parte più importante della zona industriale. Non abbiamo piani immediati per espandere questa zona perché ne abbiamo diverse altre, più piccole, Ruski Krstur, Sivac e Kula. Quest’ultima si estende su 6 ettari di terreno”, spiega Milojicic.

(eKapija, 12.10.2017)

http://www.ekapija.com/news/1907338/kula-od-prodaje-zemljista-u-industrijskoj-zoni-zaradila-420000-eur-pogone-otvaraju

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Italia, Kula
promek
L’italiana Promek espande la produzione a Velika Plana

Milano
Brnabic a Milano per parlare di migrazioni e frontiere

Close