Krkobabic: “Non vi sono i lavoratori in eccesso, ma mancanza di lavoro”

“In Serbia non  vi sono i lavoratori in eccesso, ma lmancanza di lavoro, e chiunque decida di licenziare i lavoratori deve soprattutto provare a “caricarli di  lavoro” e poi, quando si determina che un dipendente non può realizzarlo, si può riflettere sul licenziamento”, ha detto il direttore delle “Poste della Serbia” Milan Krkobabić.

“La logica di base in Serbia deve consistere dal fatto che dobbiamo trovare un lavoro, che dobbiamo combattere per i lavoratori e che dobbiamo presentare i prodotti e i servizi esistenti in un modo nuovo come viene effettuato da parte della concorrenza”, ha detto Krkobabić alla Radiotelevisione serba in occasione dell’anniversario di 175 anni delle Poste della Serbia, presso le quali inizieranno le attività di cambio di valuta estera in conformità con la legge sui servizi di pagamento, visto che ci sono ormai 4.500 sportelli automatici.

Lui ha detto inoltre che in tutte le grandi multinazionali i lavoratori partecipano alla gestione e, soprattutto, alla determinazione degli utili. Questo è l’unico stimolo economico per un dipendente per lavorare, se lavora bene”, ha detto Krkobabić, aggiungendo che dal Governo serbo sono stati stabiliti otto critteri per il posizionamento di un’azienda sul mercato.

“Le Poste della Serbia lasciano una parte del lavoro agli imprenditori privati , e ne abbiamo 230 e circa 550 sportelli contrattualizzati.  Si deve riconoscere il potenziale di lavoratori e loro devono essere pagati decentemente”, aggiungendo che lo stipendio  medio dei dipendenti in un ufficio postale è di 45.000 dinari.

(Tanjug/Vecernje novosti,  05.06.2015)

Share this post

scroll to top
Altro... disoccupazione, economia, governo, lavoro
La Camera di Commercio serba aiuta le imprese a ottenere i fondi Ue

Vucic: “Stabilità politica importante e la Serbia è sempre più rispettata”
Chiudi