“KRIK” sotto pressione e travolta da una serie di cause

Negli ultimi mesi la redazione di “KRIK” è stata travolta da una serie di cause intentate, nella maggior parte dei casi, da funzionari governativi o uomini d’affari a loro vicini; il valore totale delle 10 cause attualmente intentate contro la redazione, gli editori e i giornalisti sarebbe di 90 milioni di dinari.

La rete, che si batte contro la corruzione e i criminali, “KRIK”, è stata citata in giudizio da Bogoljub Karić, Predrag Koluvija, Bratislav Gašić, Nikola Petrović, Stanko Subotić, il gruppo minerario internazionale “Mineco”, il comandante dell’Unità di polizia per la protezione dei testimoni Goran Živković, l’Agenzia per la protezione ambientale, il tabloid “Kurir”…

In un caso è stata addirittura chiesta la pena detentiva per i giornalisti. “Queste azioni rappresentano una grande pressione sulla nostra redazione e penso che si tratti di cause “SLAPP”, ovvero un tentativo di mettere a tacere e chiudere KRIK”, ha affermato l’editore di “KRIK” Stevan Dojčinović.

Secondo la redazione, tra coloro che hanno fatto causa a giornalisti ed editori di “KRIK” ci sono un uomo accusato di organizzare la produzione di droga, il capo dell’agenzia di intelligence BIA, capi di polizia, magnati vicini al governo, persone nelle liste dei ricercati dall’Interpol, il padrino del Presidente Serbia, l’editore di un tabloid filo-governativo, un’agenzia statale, nonché una società internazionale.

“Le cause sono arrivate una dopo l’altra e durante il mese scorso “KRIK” era stata citata in giudizio una volta alla settimana. La maggior parte di coloro che hanno fatto causa hanno legami con il Presidente serbo Aleksandar Vučić o con le persone intorno a lui, il che indica che l’obiettivo delle cause non è soddisfare la giustizia, ma soffocare i media. Tali cause sono note come cause SLAPP”, si legge nel testo intitolato “KRIK sopraffatta dalle cause di persone vicine al regime”.

Il valore totale dei procedimenti in corso è di oltre 90 milioni di dinari, ovvero tre volte il budget annuale dell’organizzazione. Il caporedattore, Stevan Dojčinović, ritiene che l’obiettivo di queste cause sia quello di stancare la redazione e di esercitare pressioni su di essa affinché non continui a svolgere il proprio lavoro. “Credo che l’obiettivo della maggior parte di queste cause non sia davvero quello di soddisfare la giustizia, ma cercare di fare pressione sulla nostra redazione, di toglierci tempo e denaro. Sono una seria minaccia per il nostro lavoro, ma non ci faremo intimidire o fermare, continueremo a indagare su chi ci ha fatto causa”.

https://naslovi.net/2021-12-08/beta/ljudi-bliski-vlasti-traze-od-novinara-krik-a-90-miliona-dinara/29497295

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top