KRIK: il presidente serbo ha chiesto al clan criminale Belivuk di fare vari favori per lui

Il portale di notizie investigative KRIK sostiene che il capo di un gruppo di criminalità organizzata, recentemente arrestato, ha detto agli investigatori di essere collegato al presidente serbo Aleksandar Vucic e agli alti funzionari del Partito progressivo serbo (SNS) al potere.

Veljko Belivuk, alias Velja Nevolja, ha detto agli investigatori che Vucic e i suoi soci volevano che il clan criminale gli facesse dei favori, come assicurarsi che i tifosi della squadra di calcio Partizan non cantassero degli slogan offensivi contro il presidente durante le partite, agire come sicurezza alla Pride Parade, intimidire gli organizzatori delle proteste anti-regime e costringere i tassisti a cancellare le loro proteste contro CarGo, una società che presumibilmente il fratello della prima ministra Ana Brnabic ha aiutato a svilupparsi, ha detto KRIK citando una trascrizione dell’interrogatorio di Belivuk.

Alcuni mesi fa Belivuk e il suo gruppo sono stati arrestati  e accusati di omicidio, traffico di droga e altri reati gravi. Si presume che abbiano preso il controllo dei gruppi di tifosi della squadra di calcio Partizan che erano visti come ostili alle autorità. Dopo gli arresti, Vucic ha mostrato ai giornalisti le fotografie di corpi mutilati che ha detto essere le vittime del clan criminale Belivuk. Più recentemente, il ministro degli Interni Aleksandar Vulin ha seguito l’esempio mostrando altre immagini raccapriccianti di persone uccise dal clan Belivuk durante un’apparizione in diretta sulla TV pro-regime Pink.

KRIK riferisce inoltre che Belivuk ha inizialmente negato di essere un leader dei tifosi del Partizan, così come la responsabilità di qualsiasi crimine di cui è stato accusato e si è rifiutato di rispondere a qualsiasi domanda.

La trascrizione dell’inchiesta lo cita dicendo che ha deciso di parlare dei suoi rapporti con Vucic, Vulin, il fratello di Vucic, amici e altri politici che hanno chiesto favori che ha elencato. Belivuk ha detto che ha contattato Vucic attraverso il tifoso di calcio Aleksandar Vidojevic che è amico del figlio del presidente Danilo, aggiungendo che ha parlato con il presidente di persona diverse volte. Ha anche minacciato di rivelare più dettagli “a meno che certe persone non facciano i furbi” e che è membro del SNS dal 2011.

Ha aggiunto che non si è fidato di Vidojevic dopo un po’ di tempo, credendo che si prendesse il merito di aver risolto tutti i problemi. Belivuk ha detto che si è lamentato con l’amico intimo di Vucic, Darko Glisic (anche un funzionario della SNS) che lo ha invitato a casa sua a Ub, una città di cui è anche il sindaco. Belivuk ha detto che lui e il suo braccio destro Marko Miljkovic hanno avuto un incontro costruttivo con Glisic e gli è stato detto che Vucic ha confermato che Vidojevic è il collegamento diretto con il presidente e che non dovrebbero incontrarsi faccia a faccia. Belivuk si è anche lamentato del segretario di stato del ministero degli Interni Dijana Hrkalovic che ha detto qualcosa contro di lui e la sua squadra. Glisic gli avrebbe detto che lei è un nemico della famiglia Vucic e che non sanno come risolvere il problema.

Belivuk ha detto agli investigatori che Glisic gli aveva promesso di organizzare un incontro con Vucic. “Mi ha dato i contatti della BIA (agenzia serba di intelligence e sicurezza) dicendo che mi avrebbero detto quando e dove si sarebbe svolto l’incontro”, ha detto. Ha affermato che l’incontro si è svolto in un appartamento nel quartiere di Zvezdara a Belgrado e che Vucic ha accettato di vedere Belivuk e Miljkovic da soli.

“Abbiamo discusso diversi argomenti e abbiamo avuto un paio di altri incontri. Ci ha detto, al primo incontro, che ci saremmo incontrati il meno possibile per non mettere in pericolo lui o noi stessi a causa della situazione politica”, ha detto la trascrizione, aggiungendo che Vucic ha chiesto diversi favori tra cui il licenziamento dell’amministrazione del Partizan che Belivuk non poteva accettare. Belivuk ha anche rifiutato di essere in contatto con Vulin.

KRIK riferisce inoltre che alcuni dettagli nella trascrizione confermano i precedenti sospetti che il gruppo criminale di Belivuk ha avuto un ruolo nella soppressione delle proteste e che ha avuto una stretta relazione con le persone al potere.

(KRIK, 22.07.2021)

https://www.krik.rs/belivukov-iskaz-vucic-mi-je-trazio-razne-usluge/

 

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top