Kragujevac: Brnabic media tra la FIAT e gli scioperanti

La risoluzione dei problemi alla Fiat Chrysler Automobili Srbija a Kragujevac potrebbe essere all’orizzonte: la Prima Ministra Ana Brnabic si è offerta di mediare personalmente i colloqui tra la gestione della fabbrica e gli scioperanti.

Il comitato di sciopero ha accolto con favore l’iniziativa, affermando l’intenzione di informare gli scioperanti sugli sviluppi della situazione.

Il gabinetto della PM ha confermato che Ana Brnabic ha ordinato alle due parti di avviare i negoziati al livello più alto. Ciò comporta la partecipazione sia della gestione della Fiat dall’Italia e dalla Serbia, sia del comitato di sciopero.

“A causa della straordinaria importanza che la fabbrica Fiat di Kragujevac riveste per l’economia serba, per la città di Kragujevac, i fornitori, i dipendenti e le loro famiglie, la Prima Ministra Brnabic ha ordinato alle due parti di avviare i negoziati ad alto livello. Il comitato di sciopero è stato chiamato per avviare immediatamente i negoziati e quindi mostrare responsabilità nei confronti dei dipendenti e dell’intera Serbia perché la Fiat è una parte importante dell’economia serba”, afferma il comunicato stampa diffuso dal governo serbo.

Il Presidente del comitato di sciopero, Zoran Markovic, ha affermato che, a seguito dell’iniziativa, i sindacati avranno una riunione urgente e poi riuniranno i lavoratori dell’FCA per parlare con loro della situazione attuale.

“La proposta della PM è molto positiva ed è nostro dovere informare i dipendenti. Faremo quello che vogliono fare loro”, spiega Markovic.

Secondo informazioni non ufficiali, la direzione di Fiat ha affermato di non negoziare mai con i lavoratori in sciopero. Letteralmente, questo significa che i negoziati sulle richieste dei lavoratori potrebbero iniziare solo quando questi riprenderanno il lavoro.

“Potremmo interrompere temporaneamente lo sciopero, ma anche questo è qualcosa che i sindacati e i lavoratori devono decidere”, aggiunge Markovic, sottolineando che i sindacati non si sono incontrati con il governo serbo perché non sono stati in grado di assumere una posizione unificata e perché il sindacato di Nezavisnost voleva inviare una persona che non aveva nulla a che fare con i lavoratori Fiat per aderire ai colloqui con il governo.

Intanto, lo sciopero generale di 2.150 dipendenti della Fiat è entrato nella sua seconda settimana. Anche se i lavoratori si recano quotidianamente presso i locali della fabbrica, continuano ad astenersi dalle attività lavorative.

(Vecernje Novosti, 08.07.2017)

http://www.novosti.rs/vesti/naslovna/ekonomija/aktuelno.239.html:674674-Premijerka-posreduje-u-resenju-za-Fijat

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Brnabic, Fiat Chrysler Automobili Serbia, Kragujevac, lavoro
Ana Brnabic Primo Ministro: reazioni in Parlamento
Brnabic consegna la trascrizione dell’intervista all’ambasciatore russo

FMI: la Serbia dovrebbe continuare con le riforme

Close