KORS: “Vucic non può decidere da solo sul progetto della ‘Rio Tinto'”

“Il Presidente della Serbia, Aleksandar Vučić, non ha alcuna autorizzazione a decidere sul progetto “Jadar” e l’apertura della miniera del minerale vicino a Loznica, pianificata dalla società “Rio Tinto”, riferisce il coordinatore per l’estrazione sostenibile della Serbia (KORS), Zvezdan Kalmar.

“Il Presidente della Serbia non può decidere sul progetto ‘Jadar’ perché non ha questa autorità in base alla Costituzione, ma il governo della Serbia, il parlamento e il popolo possono decidere su questo”, ha detto Kalmar.

Lo stesso ha riferito che i rappresentanti dell’associazione “Proteggiamo Jadar e Radjevina”, i cui membri sono per lo più residenti nei paesini attorno a Loznica, non hanno voluto parlare con Vučić a Gornje Nedeljice il 4 dicembre sui problemi legati alla realizzazione della miniera, che contiene litio e boro, perché vi si oppongono esplicitamente a causa di possibili danni ambientali, non solo per quella zona, ma per l’intero Paese.

Kalmar ha detto che i membri dell’associazione “Ne damo Jadar” erano invece presenti all’incontro con Vučić, nonostante avessero detto che non sarebbero andati, e loro chiedono solo che la discarica venga rimossa dalla loro area e “messa sotto il naso di qualcun altro”. “I membri dell’associazione ‘Ne damo Jadar’ hanno venduto principalmente la loro terra alla “Rio Tinto” perché erano disorientati e ignari dei pericoli dell’apertura della miniera, e negli ultimi 17 anni hanno permesso la perforazione di 540 pozzi”, ha sottolineato Kalmar.

Ha aggiunto che i membri di quell’associazione sono per lo più elettori del Partito progressivo serbo, il quale ha persino pensato di mandare i loro figli a studiare alla Facoltà di estrazione mineraria nella speranza che ottengano un lavoro quando la miniera sarà aperta. Secondo lui l’ambiente sarà in pericolo in qualsiasi luogo tale miniera verrà aperta.

Kalmar ha affermato che non è vero che il disegno di legge sull’espropriazione, come sostiene il governo, “non c’entra nulla e non è stato approvato a causa della confisca dei terreni per le esigenze della miniera di Rio Tinto”. “Sia la vecchia sia la nuova legge sull’esproprio stabiliscono che l’espropriazione può essere effettuata a causa di progetti minerari e la nuova proposta è una procedura urgente”.

Le promesse di Vučić ai contadini dei paesini di Loznica secondo cui otterranno strade, elettricità, palazzetti dello sport, muri di sostegno per prevenire le inondazioni del fiume Jadar, sostiene Kalmar, fanno solo parte della campagna elettorale.

https://www.021.rs/story/Info/Srbija/291746/KORS-Predsednik-Srbije-nema-nikakva-ovlascenja-u-vezi-sa-projektom-Jadar.html

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top