Komercijalna Banka verso la privatizzazione?

Il Presidente del Consiglio di Amministrazione di Komercijalna Banka, Vladimir Krulj, ha dichiarato che l’orientamento strategico della banca, rispetto al quale la maggior parte dei soci di maggioranza si è espressa favorevolmente (Repubblica di Serbia, BERS e IFC), è quello di avviare la procedura di privatizzazione.

La banca ha recentemente svolto un intenso lavoro di riordino dei propri bilanci, e di progettazione di nuovi servizi. Ora, alla selezione del consulente per la privatizzazione, già avvenuta, segue le scelta della strategia di privatizzazione, e solo quando questa verrà adottata sarà chiaro il modo in cui Komercijalna Banka consoliderà la propria posizione in vista del cambio di gestione.

“A questo proposito, credo che tutte le altre speculazioni siano premature” afferma Krulj, riferendosi alla notizia secondo la quale la banca avrebbe in programma di acquisire una delle più grandi banche estere in Serbia per rafforzare la propria posizione prima della privatizzazione. Secondo Krulj, risulta ora più importante per la banca continuare ad incrementare la propria quota di mercato e assumere la posizione di leader nel rapporto con le aziende, essendo già leader nel rapporto con i clienti al dettaglio. 

Il Presidente del Consiglio di Amministrazione aggiunge che l’interesse delle istituzioni finanziarie, sia banche che fondi di investimento, nei confronti di Komercijalna Banka appare evidente, e che sarebbe auspicabile completare il processo di privatizzazione entro la fine del 2017. Tale operazione garantirebbe la redditività della banca e il suo stesso futuro.

Lo Stato possiede il 41.74% di Komercijalna Banka, mentre la BERS, Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo, rappresenta il secondo più grande azionista, con una quota del 24,43%.

(Vecernje Novosti, eKapija, 2016/09/08)

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... BERS, Komercijalna Banka
Incontro tra Chakrabarti e Vucic: il piano di sostegno della BERS alle PMI

EBRD pronta ad investire in agricultura, nei servizi e nella produzione in Serbia

Chiudi