Klačar: “I risultati delle elezioni sono un brutto messaggio sia per l’opposizione che per il partito SNS”

Il direttore esecutivo dell’organizzazione CeSID, Bojan Klačar, ha dichiarato ieri che i risultati delle elezioni parlamentari sono un brutto messaggio per l’opposizione, ma che non sono neppure positivi per il Partito progressiva serbo (SNS).

“Questi risultati elettorali sono un pessimo messaggio per l’opposizione. Soprattutto per coloro che sono andati alle urne e, in misura minore, anche per quelli che le hanno boicottate. Tali risultati non sono positivi neanche per lo stesso “SNS”, perché danno l’idea di una grande concentrazione di potere politico, la quale implica grande responsabilità dietro alcune decisioni politiche chiave”, ha detto Klacar a “N1”.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Lo stesso ha dichiarato che i risultati si possono leggere in vari modi:

“Il primo è che non ci sono stati cambiamenti politici. Il secondo è che avremo un parlamento che non rifletterà il vero stato d’animo degli elettori, tenendo presente che una parte degli elettori non è andata alle urne e non ha i propri rappresentanti. La terza conclusione è che la Serbia è un Paese con un sistema politico in cui esiste un partito dominante, il quale detta le tendenze politiche e gestisce la vita politica”.

Klacar ha aggiunto che importanti cambiamenti politici avverranno nelle prossime settimane. Parlando delle voci che, nonostante una vittoria convincente il partito SNS potrebbe offrire la partecipazione al governo della Serbia anche ad altri, ricorda che tali reazioni sono arrivate anche dopo le precedenti elezioni.

“Il partito SNS ha sempre formato una coalizione più ampia di quanto fosse necessario in parlamento. È certo che potrebbe aprire spazio ad alcuni che non sono membri del partito, ed è anche certo che continuerà con successo la cooperazione con le comunità nazionali bosniache e ungheresi”, ha sottolineato Klacar.

Secondo lo stesso, la questione è se ci sarà spazio per l’SPS e Ivica Dacic, ed è certo che l’SNS proverà a formare una coalizione un po’ più ampia, tra le altre cose per condividere le responsabilità. Parlando dell’affluenza alle urne, si stima che probabilmente sarà circa al 49%, e giovedì saranno pubblicati i numeri esatti dai rappresentanti del RIK.

Sul boicottaggio, Klacar ha infine affermato che la sua impressione era che il boicottaggio non avesse possibilità di successo e che gli elettori si aspettassero qualcosa di diverso dall’opposizione.

“Sembra che sia giunto il momento per l’intera opposizione di trovare modi diversi per lottare contro il partito al potere”, ha concluso.

https://www.danas.rs/politika/izbori-2020/klacar-rezultati-parlamentarnih-izbora-losa-poruka-za-opoziciju-a-nisu-dobri-ni-za-sns/

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... CeSID, elezioni parlamentari, opposizione
ELEZIONI 2020: gli ultimi risultati preliminari, SNS si aggiudica i due terzi dei seggi del parlamento

Il regime beneficia delle lotte interne all’opposizione

Chiudi