Kisic: “Vediamo la fine della diffusione della malattia”

“La situazione epidemiologica nella maggior parte del Paese è sotto controllo, ora l’attenzione è focalizzata sui singoli focolai e la fine della diffusione epidemica dell’infezione sta lentamente venendo alla luce”, ha dichiarato ieri la vicedirettrice dell’Istituto di sanità pubblica serba, Darija Kisic Tepavcevic.

“Siamo concentrati sui singoli focolai, si può vedere la fine della diffusione della malattia, ma saremo più rilassati solo quando il numero di nuovi contagiati sarà significativamente ridotto, o a livello giornaliero pari a zero”, ha detto la Kisic alla TV “Prva” di Nis, dove oggi si trova la sede del nuovo staff di crisi per il distretto della Nisava e Toplica guidato dal Ministro Branislav Nedimovic.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Negli ultimi giorni, il maggior numero di nuovi casi è stato riportato a Nis, dopo che la malattia è stata rilevata in 151 persone residenti nel Centro di Gerontologia della città.

La Kisic ha sottolineato che il numero degli asintomatici e di quelli che sono attaccati ai respiratori mostrano la gravità del virus. Ora i più alti tassi di incidenza sono registrati nella Serbia meridionale e la situazione epidemica è stabile in altri luoghi.

La stessa ha aggiunto che dopo che la malattia è apparsa in diverse istituzioni e istituti a Nis, è stato fatto un lavoro di ricerca per trovare tutti i contatti e isolare quelli in cui è stata confermata la presenza del virus.

“Partiamo dalla soppressione delle conseguenze, per poi riconoscere le persone che hanno l’infezione e per prevenire la diffusione della malattia. È ovvio che un serbatoio di infezione è entrato in queste strutture ed è importante impedire che l’infezione si diffonda ulteriormente onde evitare gravi complicazioni. Stiamo cercando di fare ulteriori sforzi per frenare la diffusione del contagio in questa parte del Paese”.

http://www.politika.co.rs/scc/clanak/452334/Kisic-Nazire-se-kraj-sirenja-bolesti

Photo credits: “Beta-Vlada Srbije”

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... coronavirus, Darija Kisic Tepavcevic
Brnabic: “La lotta contro il COVID-19 in Serbia non reprime la democrazia”

Il settore delle PMI continuerà il suo sviluppo tre mesi dopo la fine della crisi

Chiudi