Johannes Hahn e Angela Merkel sono in disaccordo sul Kosovo

La cancelliera tedesca, Angela Merkel, e il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, hanno discusso del dialogo tra Belgrado e Pristina e lo status di Kosovo, e hanno notato che appoggiano tutti i colloqui che porteranno alla soluzione del problema.

Ciò è stato confermato oggi a Berlino dalla Merkel, che ha aggiunto che bisognerebbe prestare maggiore attenzione a non creare nuovi problemi e a rispettare l’integrità territoriale.

“Diciamo che l’integrità territoriale, così com’è ora creata, è un valore. La stessa cosa che ho detto quando erano presenti i primi ministri di Bosnia ed Erzegovina e Montenegro, cioè che dobbiamo stare attenti che le azioni in un territorio non conducano ad azioni in altri territori”, ha detto la Merkel in una conferenza stampa congiunta con il primo ministro della Croazia, Andrej Plenkovic.

Questa volta, la funzionaria tedesca non ha ripetuto ciò che ha detto il 13 agosto dopo un incontro con il presidente del Consiglio dei ministri della Bosnia ed Erzegovina, vale a dire che non ci saranno cambiamenti nelle frontiere nei Balcani.

Tuttavia, quando il deputato tedesco, vicepresidente della fazione CDU / CSU nel parlamento tedesco, Johann Wadephul ha parlato con il presidente, Aleksandar Vucic, a Belgrado, ha sottolineato la posizione tedesca in merito al cambio di frontiera definito “dalla cancelliera Merkel”.

Vuoi aprire una società in Serbia in pochi giorni? Clicca qui!

“A nostro avviso, la stabilizzazione dei nuovi confini tra Kosovo e Serbia non è una cosa buona. Per quanto riguarda la Germania, è necessario che le due parti trovino una soluzione per normalizzare le relazioni, ma non cambieremo la nostra opinione riguardo ai confini “, ha detto Wadephul a Belgrado, praticamente confermando che le autorità tedesche sostengono i confini stabiliti dopo la NATO bombardamento della Serbia nel 1999 e la dichiarazione di indipendenza del 2008 della cosiddetta Repubblica del Kosovo.

Anche il consigliere di politica estera della frazione CFU / CSU, Hans Joachim Falenski era presente all’incontro in cui il presidente serbo ha affermato che poche persone al mondo sapevano con certezza quali fossero i confini della Serbia e cosa fosse il Kosovo, e ha sottolineato che l’accordo tra i serbi e gli albanesi era cruciale per entrambe le nazioni.

“La Serbia è determinata a trovare una soluzione di compromesso con il Kosovo e per il futuro pacifico del nostro paese e della regione. Questa soluzione proteggerebbe allo stesso tempo i nostri interessi statali e nazionali “, ha dichiarato Vucic all’incontro con Wadephul e Falenski.

Gli ultimi messaggi provenienti dalla Berlino ufficiale e le opinioni espresse in precedenza dal commissario europeo, Johannes Hahn, secondo cui Bruxelles dovrebbe accettare l’accordo dei serbi e degli albanesi, a prima vista si scontrano, sebbene nessuno abbia pienamente concretizzato l’esito del dialogo tra Belgrado e Pristina che l’UE potrebbe accettare.

Aleksandar Gajic dell’Istituto di studi europei afferma che è chiaro che c’è un disaccordo tra i funzionari all’interno dell’UE e che Berlino sostiene fermamente le sue precedenti posizioni:

“Resta da vedere se Hahn e altri funzionari dell’UE stanno esprimendo le loro opinioni personali o quelle delle istituzioni dell’UE. Non penso che Berlino cambierà la sua opinione riguardo ai confini, anche se Pristina e Belgrado concordano una soluzione che implicherebbe una cosa del genere. Inoltre, alcuni politici di Pristina si stanno schierando con i paesi occidentali che ritengono che il Kosovo debba avere gli stessi confini che aveva quando ha dichiarato la sua indipendenza”.

Persino Washington, secondo Gajic, non potrebbe ammorbidire l’atteggiamento della Germania, in particolare ora che Stati Uniti e Germania sono divisi su molte altre questioni.

http://www.novosti.rs/vesti/naslovna/politika/aktuelno.289.html:746447-Nemci-za-granice-crtane-bombama

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... Angela Merkel, Berlino
EasyJet introduce voli diretti sulla linea Belgrado-Basilea

Vucic e la Merkel discutono di reti regionali e stabilità

Chiudi