Jeremic: “L’accoglienza dei rifugiati è l’unico scopo della mini Schengen”

Il Presidente del Partito popolare (NS), Vuk Jeremic, ha dichiarato che lo scopo principale della “mini Schengen” è quello di creare uno spazio amministrativo unico nei Balcani occidentali per l’accoglienza di centinaia di migliaia di rifugiati dal Medio Oriente e dal Nord Africa, che potrebbero trasferirsi nell’Unione europea il prossimo anno, mentre la situazione economica peggiora e “c’è il blocco di Stati ed economie a causa dell’epidemia di coronavirus”.

“L’Unione europea accoglie con favore la “mini Schengen” e l’abolizione dei controlli alle frontiere tra i Paesi dei Balcani occidentali, perché è nel suo interesse. Per questo chiude gli occhi sul soffocamento della democrazia, ma anche sulla corruzione e sulla criminalità organizzata in Serbia. La cosa fondamentale è fermare l’ondata di profughi fuori dai propri confini”, ha detto Jeremic.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Jeremic, che è anche ex Ministro degli Affari esteri della Serbia, ha specificato che la Convenzione di Vienna sulle relazioni internazionali stabilisce che ciò che è firmato dal Ministro degli affari esteri, dal Primo ministro o dal Presidente di uno Stato, vincola quello Stato, indipendentemente dal fatto che sia stato firmato con o senza poteri, conformi o meno alle leggi nazionali e alla costituzione.

“Quel firmatario potrebbe finire in prigione domani, ma ciò che ha firmato per conto di quello Stato rimane vincolante a livello internazionale. Questo è chiaramente affermato nella Convenzione di Vienna sulle relazioni internazionali, di cui siamo anche firmatari. Ecco perché sarà molto difficile ritirarsi dagli accordi internazionali che sono stati firmati dall’attuale governo”, ha detto Jeremic.

Lo stesso ha affermato che la Turchia “trattiene milioni di rifugiati dal Medio Oriente sul suo territorio perché ha ricevuto denaro dall’Ue”, ma che “quel denaro potrebbe rivelarsi insufficiente”.

“Allo stesso tempo, è noto che il Presidente turco Erdogan non è il partner più affidabile. È un populista che un giorno potrebbe dire ai rifugiati: Andate tutti in Europa adesso. E sappiamo che l’UE non li accetterà. Dove possono finire le persone che hanno lasciato la Turchia e non sono autorizzate a raggiungere l’Europa? Solo nell’area della “mini Schengen”, dove nel frattempo verrà stabilito un quadro amministrativo unico”, ha detto Jeremic.

Il politico crede anche che il Presidente serbo Aleksandar Vucic non firmerà un accordo che consenta l’adesione di Pristina all’ONU, perché sa che la firma avrebbe un effetto simile a quello che la cosiddetta legge sulle libertà religiose ha avuto per Milo Djukanovic, e che gli è costata il potere dopo quasi tre decenni interi di governo sovrano sul Montenegro.

Il leader del Partito popolare ha dichiarato che Vučić non farà quel passo, perché se firmerà quell’accordo avrà la chiesa e la stragrande maggioranza delle persone contro di lui dall’oggi al domani.

http://rs.n1info.com/Vesti/a688681/Jeremic-Prihvat-migranata-jedina-svrha-mini-Sengena.html

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... Erdogan, Jeremic, mini Schengen
jeremic
Jeremic: “Quando l’UE acuirà la sua retorica nei confronti delle autorità serbe, la fine del regime sarà vicina”

Jeremic: “La Serbia d’accordo per l’adesione ONU del Kosovo, mentre in USA nessuno crede più nella democrazia in Serbia”

Chiudi