Jeremic: “La Serbia d’accordo per l’adesione ONU del Kosovo, mentre in USA nessuno crede più nella democrazia in Serbia”

Il presidente del Partito popolare Vuk Jeremic ha rivelato a Washington che il Presidente serbo Aleksandar Vucic “ha concordato l’adesione del Kosovo alle Nazioni Unite (ONU)” e che la massima amministrazione statunitense ha grandi aspettative su Belgrado e Pristina dopo le elezioni del 26 aprile in Serbia.

“Prima delle elezioni no, ma dopo hanno grandi aspettative. Dal momento che l’alto funzionario americano Richard Grenell, a cui è stato assegnato un posto di alto livello per supervisionare tutta l’intelligence americana, ha deciso di essere coinvolto nel processo dei negoziati in Kosovo, la mia conclusione è che lui e la massima amministrazione statunitense si aspettino che Belgrado e Pristina concludano un accordo a novembre. Quando ho detto questo agli interlocutori di Washington, nessuno ha detto che non era d’accordo”, ha dichiarato Jeremic a “Glas Amerike”.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Lo stesso ha parlato con i rappresentanti dell’amministrazione statunitense presso il Dipartimento di Stato e ha avuto colloqui con deputati e senatori.

Alla domanda se fosse a conoscenza di ciò che era stato concordato sul Kosovo e Metohija, Jeremic ha affermato che i suoi interlocutori statunitensi non glielo avevano detto e che sarebbe “errato comunicare notizie di corridoio”.

“Mi aspetto che si tratti di un accordo globale sulla normalizzazione delle relazioni tra Belgrado e Pristina, il quale implica che il Kosovo diventi membro delle Nazioni Unite”, ha detto Jeremic.

In occasione delle imminenti elezioni in Serbia, ha affermato che “chiunque è veramente contrario ad Aleksandar Vucic non sarà presente alle elezioni”.

“Questo è uno stato di cose che l’amministrazione americana ha accettato. È molto importante che ciò che è stato detto in precedenza – se non vai alle urne non sarai più un interlocutore credibile della comunità internazionale – non è più valido. L’opposizione serba rimane un interlocutore credibile della comunità internazionale e questo è stato uno dei motivi per cui ho visitato Washington”, ha detto Jeremic.

Ha aggiunto che le questioni relative alla democrazia e ai diritti umani “potrebbero non essere più una priorità degli Stati Uniti come in passato, ma non è un argomento che è stato completamente dimenticato e tolto dal tavolo”.

“Oggi non c’è più nessuno a Washington che abbia l’illusione che la Serbia sia un Paese democratico, e dopo il rapporto della “Freedom House”, incluso l’ultimo, nessuno sta nemmeno cercando di trattare la Serbia come un Paese democratico”, ha detto Jeremic.

Durante i colloqui con i funzionari degli Stati Uniti, ha dichiarato di essersi concentrato su ciò che si prevede in Serbia dopo le elezioni o su come raggiungere elezioni giuste dopo il 26 aprile.

“Sono lieto che tutti gli interlocutori abbiano mostrato interesse nel vedere come arriverà l’opposizione serba a questo obiettivo”, ha concluso Jeremic.

https://www.nedeljnik.rs/vucic-dogovorio-clanstvo-kosova-u-un-vuk-jeremic-u-vasingtonu/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top