Jeffrey Sachs: “Serbia bloccata tra la Russia e l’Occidente a causa della guerra”

Uno dei più famosi economisti e analisti del mondo, Jeffrey Sachs, ha dichiarato che la Serbia si trova in una posizione difficile a causa del conflitto tra gli Stati Uniti e l’Europa e la Russia per l’Ucraina, e che nel caso in cui si raggiunga un accordo e si ponga fine a questa guerra, la Serbia potrebbe essere un ponte per rinnovare le relazioni tra l’Unione europea e la Russia.

Jeffrey Sachs si è unito ai partecipanti del Kopaonik Business Forum tramite un collegamento video e durante il suo discorso ha affermato che la Serbia potrebbe trarre grandi benefici se si raggiungesse un accordo e si ponesse fine alla guerra in Ucraina.

“Per un Paese come la Serbia, questa sarebbe la migliore soluzione possibile, perché la Serbia si trova ancora una volta in bilico tra Est e Ovest, a causa della sua posizione geografica, ma anche culturale e in termini di politica estera”, ha sottolineato Sachs.

Ha anche affermato che l’interruzione delle normali relazioni tra la Russia e l’UE ha colpito duramente la Serbia e ha aggiunto: “Certamente, in questo caso, la Serbia potrebbe essere un ponte finanziario, logistico e industriale tra la Russia e l’Europa, tra le rinnovate relazioni economiche tra l’Est e l’Ovest”, ha detto Sachs.

Ha anche affermato che la Serbia potrebbe trarre grandi benefici se l’America abbandonasse la sua politica anti-cinese e ha continuato dicendo che “il fatto che l’Europa debba seguire gli Stati Uniti e abbia profondamente danneggiato i suoi legami con la Cina è un altro grande errore che l’Europa ha fatto”.

Sachs ha anche affermato che l’America ha frainteso tutto – dall’Afghanistan e dall’Iraq alla Siria, alla Libia e all’Ucraina – e che la cosiddetta guerra neoconservatrice si è rivelata un completo fallimento. Ha aggiunto che quelle guerre sono costate agli Stati Uniti sette trilioni di dollari di debito e che, ancora una volta, non hanno fatto nulla per l’America.

Quando gli è stato chiesto come vede la posizione della Germania, che è il principale partner commerciale esterno della Serbia, in tutto questo, Sachs ha risposto che la guerra in Ucraina ha colpito il settore industriale in Germania più che in altri Paesi. “Molte economie europee vivevano grazie al gas russo a basso costo, ma il riavvicinamento politico ed economico tra Germania e Russia non era quello che faceva per loro”, ha dichiarato.

Sachs ha aggiunto che la Germania avrebbe dovuto guidare la transizione dell’industria automobilistica verso i veicoli elettrici e l’elettronica intelligente su ruote, ma ciò è stato impedito dalla guerra in Ucraina.

“L’industria tedesca sta attraversando un momento molto difficile, mentre la Cina è diventata leader mondiale nella produzione di veicoli elettrici. La Germania potrebbe essere un degno concorrente della Cina, ma questo richiede una situazione completamente diversa, che non deve essere disturbata da una guerra”, ha detto Sachs.

(Alo, 06.03.2024)

https://www.alo.rs/vesti/politika/878913/saks-srbija-u-teskom-polozaju-mogla-bi-da-bude-most-izmedu-eu-i-rusije/vest

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top