Jan Braathu: “Ci sono le condizioni per avere elezioni eque in Serbia”

Il capo della missione OSCE in Serbia, Jan Braathu, ritiene che in Serbia ci siano tutte le condizioni per lo svolgimento di elezioni eque. “La missione di osservazione elettorale ha valutato che ci sono certo molte raccomandazioni che non sono state soddisfatte, ma quello che abbiamo visto nel gruppo di lavoro che è stato istituito è un processo costruttivo; sono stati fatti ulteriori commenti, qualcosa è ancora in lavorazione, ma vediamo che si va comunque avanti. Non siamo alla fine del processo, ma è molto meglio che in passato, e nel frattempo è successo qualcosa. Non sappiamo il risultato finale, ma finora il processo è stato buono”.

Aggiunge che l’OSCE è favorevole al voto e non crede che il boicottaggio o la non partecipazione siano una buona soluzione: “Non so quale sarà il risultato”. Se guardiamo a Negotin, vediamo un buon risultato del Partito popolare, è possibile per l’opposizione vincere, ma deve essere presente sul campo. Anche in Norvegia le persone si lamentano del processo elettorale, dicono che violiamo alcune disposizioni. Ogni cultura politica è a sé, non è consigliabile confrontare i sistemi in Norvegia e Serbia. Come ottenere un miglioramento e un progresso, non partecipando o lavorando dentro al sistema? Questo è quello che avete qui, voltare le spalle al processo non cambierà nulla”.

Dopo un anno come ambasciatore dell’OSCE in Serbia, Braathu afferma di essere stato molto impegnato e di aver incontrato tutti i responsabili delle decisioni. “Abbiamo colloqui costanti con il Presidente, compresa la questione dei media, ma anche con la Premier Brnabic e i Ministri. La mia conclusione è che esiste un approccio basato sulla disponibilità ad ascoltare le nostre argomentazioni. Ho anche incontrato i rappresentanti delle minoranze nazionali, vorrei menzionare gli albanesi. Vediamo che nei gruppi di lavoro che sono stati istituiti, ad esempio sulla questione dei media e della giustizia, c’è la volontà di ascoltare l’altra parte. Spero che vada tutto bene”, ha aggiunto.

Parlando di minoranze, dice che ci sono 23 minoranze nazionali in Serbia e che hanno tutte diverse aree di interesse. Alla domanda se l’Ufficio OSCE in Serbia aiuterà l’Ufficio in Kosovo in relazione al referendum, Braathu ha affermato che il suo mandato è legato solo alla Serbia. “C’è una missione separata lì, i miei colleghi hanno ricevuto una richiesta dal governo della Serbia e hanno sollevato la questione davanti a Kurti”.

Lo stesso aggiunge che l’incitamento all’odio è un problema in tutti i Paesi europei e che prendere di mira i giornalisti è una cosa comune. “Parliamone, sottolineiamo anche il ruolo dell’opposizione. Sosteniamo una cultura del dialogo, l’estrema polarizzazione in Serbia si riflette nella scena dei media. Vogliamo incoraggiare un dialogo costruttivo, un dialogo pieno di rispetto. Le opinioni possono differire, ma noi dovrebbero rispettarsi a vicenda. Una diplomazia silenziosa è un modo efficace per ottenere risultati”.

Photo credits: “Kosovo online”

Bratu (OEBS): Postoje uslovi za fer izbore u Srbiji, i u Norveškoj se ljudi žale

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top