Investitori russi a Boljevac: in ritardo i lavori per il parco eolico

Investitori provenienti dalla Russia hanno acquistato 100 ettari di terreno nella zona di Boljevac e destinato più di 100 milioni di euro per la costruzione di un parco eolico nel suddetto comune, ma i lavori non sono ancora iniziati in quanto EPS non ha ancora costruito la sottostazione che i russi potrebbero utilizzare per collegarsi al sistema di alimentazione locale e iniziare a generare energia elettrica.

Il Sindaco del Comune di Boljevac, Nebojsa Marjanovic, ha confermato il quadro della situazione, interpellato da Novosti.

“I test hanno dimostrato che, grazie a un vento favorevole, potrebbe essere costruito un parco eolico conveniente nella zona di Boljevac. È prevista la costruzione di un parco eolico da 100 MW, ma le opere non sono ancora in atto. Il motivo è che la sottostazione tra Boljevac e Sokobanja, dove i russi potrebbero collegarsi al nostro sistema elettrico, non è ancora stata costruita”.

Marjanovic osserva che ci si aspettava che la sottostazione venisse costruita presto, affinché i russi potessero avviare l’investimento, che avrebbe fornito al bilancio comunale circa un milione di euro all’anno.

Sei anni fa, la società italiana Bondcom Green Energy di Modena è stata autorizzata a costruire una centrale eolica in quel comune, ma non è riuscita a farlo, poiché fu successivamente scoperto che i concessionari avevano acquistato la terra in località di destinazione e avevano chiesto una somma molto al di sopra del valore di mercato.

Non soddisfatta, la società italiana si ritirò e gli investitori russi acquistarono il terreno, eseguendo tutti gli studi e acquisendo i permessi.

(eKapija, 07.09.2017)

http://www.ekapija.com/en/news/1871532/missing-substation-halts-construction-of-russian-windmills-raising-of-eur-100-million

 

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top