La verità sugli investimenti russi in Serbia

Nell’ultimo decennio, l’espansione degli investimenti russi in Serbia è valsa 4 miliardi di dollari.

La maggior parte degli investimenti russi, quasi il 90%, è stata realizzata in un unico settore economico, quello del petrolio e dei derivati del petrolio. Sebbene il commercio estero tra Russia e Serbia valga miliardi di dollari, la Serbia registra in questo senso un deficit a causa della notevole importazione di petrolio e gas.

Solo il 10% degli investimenti russi in Serbia si è concluso in altri settori come la finanza e l’industria alimentare. L’esperto di economia, Ljubomir Madzar, afferma che la dipendenza della Russia dall’olio russo risale al periodo dell’ex Jugoslavia.

“Si tratta solo del proseguimento di una tendenza normale e di lunga durata, poiché non possiamo coprire neanche il 25% della nostra domanda dalla nostra produzione di petrolio e gas. La Serbia non è l’unico paese in questa posizione. Anche i paesi dell’Europa occidentale si trovano nella stessa posizione”, aggiunge.

La Federazione Russa è uno dei partner commerciali più importanti della Serbia, soprattutto grazie all’accordo di libero scambio tra i due Paesi. “Da anni la Russia è costantemente tra i primi cinque paesi verso cui la Serbia esporta di più”, comunica l’Agenzia per lo Sviluppo serba.

Lo scorso anno la Serbia ha esportato in Russia beni e servizi per un valore di 795,1 milioni di dollari, pari al 9,9% rispetto al 2015. Allo stesso tempo, la Serbia ha importato 1,51 miliardi di dollari di merci dalla Russia, con un calo del 12,7%.

Quest’anno è iniziato ancora meglio per la Serbia. Nei primi quattro mesi le esportazioni sono cresciute del 22,3% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, mentre l’importazione è cresciuta del 18,3%.

“L’anno scorso la Serbia è stata la più grande esportatrice di mele in Russia”, informa l’Agenzia per lo Sviluppo serbo.

Le aziende russe sono molto presenti anche nel settore dei trasporti. RZD International, una controllata delle ferrovie russe, prevede di concludere entro la fine dell’anno l’acquisizione di una quota superiore al 50% della società serba che modernizza le infrastrutture di trasporto. Dal marzo 2014, RZD International sta lavorando alla costruzione e alla rivitalizzazione dell’infrastruttura ferroviaria in Serbia, finanziata dalla Russia con un prestito di 800 milioni di dollari concesso alle Ferrovie Serbe.

Dati sugli investimenti russi

– In Serbia sono presenti oltre 30 società russe
– La Russia ha una notevole presenza nel settore bancario (Sberbank, VTB Bank, Marfin Bank – di proprietà di Expobank, cui proprietario di maggioranza è Igor Vladimirovich Kim, un imprenditore russo vicino a Vladimir Putin)
– La Russia è il terzo maggiore partner commerciale della Serbia (dopo l’Italia e la Germania)
– Il 90% degli investimenti russi in Serbia è stato realizzato nel settore energetico.

(Blic, 25.06.2017)

http://www.blic.rs/vesti/ekonomija/istina-o-ruskim-investicijama-iznose-ukupno-4-milijarde-dolara-a-ovo-su-jedine-tri/d0w55bf

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... energia, esportazioni, investimenti esteri, petrolio
trattati libero scambio
Capitolo 29: nessun pericolo per i trattati con la Russia

biomasse
Antic firma accordo per produzione da biomasse

Chiudi