Investimenti mediorientali nei Balcani: luci e ombre

Dal controverso progetto di trasformazione urbanistica di Belgrado dell’importo di 3 miliardi di dollari ai progetti di sviluppo in Bosnia e Montenegro, gli investimenti dei paesi mediorientali nei Balcani stanno attirando l’attenzione della stampa internazionale.

Per quanto attraggano l’attenzione, e non sempre in modo positivo, tali investimenti non costituiscono che una parte relativamente piccola del mercato immobiliare regionale. Tuttavia, essi sono indicativi sia dei punti di forza dei Balcani come destinazione di investimento che delle sfide che il settore deve affrontare.

Mentre alcuni sostengono cupamente che l’interesse degli investitori del Golfo nei Balcani è determinato da motivi strategici o religiosi, Ivan Cakarevic, Amministratore delegato di Rooftop Capital, una società di investimento immobiliare e di intermediazione, ritiene che l’interesse nei Balcani abbia una dimensione più prosaica. “Una posizione favorevole, costi competitivi della forza lavoro e le aspirazioni di adesione all’UE rendono questa regione un interessante caso di investimento”.

I sostenitori di Belgrade Waterfront (Belgrado sull’acqua) sono convinti che il progetto permetterà finalmente alla città di “recuperare il fiume” dopo decenni di abbandono e renderà la capitale serba, ancora una volta, luogo di investimento e di business nella regione.

Ma il progetto è avvolto nelle polemiche che riguardano Eagle Hills, selezionata senza una gara d’appalto, ed il modo in cui il governo ha trasformato le proprie leggi per consentirne lo sviluppo.

Gli attivisti mettono anche in discussione la validità di un progetto ispirato allo stile del Golfo in un quartiere caratterizzato dalla presenza di tanti edifici storici. La demolizione di edifici durante la notte, da parte di uomini mascherati provvisti di mazze da baseball, nel quartiere interessato dai lavori del progetto di sviluppo, non ha giovato all’immagine dell’operazione.

Mentre la costruzione della prima fase di sviluppo è in fase di completamento, il progetto sembra progredire più lentamente del previsto. Eagle Hills non ha mai risposto alle richieste di commento.

L’attenzione richiamata su Belgrade Waterfront ha fatto in modo che venissero trascurati investimenti significativi provenienti da un’altra fonte del Medio Oriente, Israele. Srdjan Vujicic, Direttore delle operazioni immobiliari della società immobiliare Coreside, stima che l’80% degli investimenti mediorientali immobiliari nella regione proviene da Israele.

Gli investitori israeliani nel paese sono per lo più sviluppatori di punti vendita al dettaglio, BIG CEE e Aviv Arlon, così come AFI Group e Shikun&Binui.

“Gli investitori israeliani si sono concentrati sullo sviluppo di centri commerciali”, sostiene James Gunn, Direttore di Poseidone Group, investitore immobiliare con 10 anni di esperienza nella regione.

“Recentemente, nuovi investitori provenienti dalla Cina e dal Medio Oriente sono stati attratti da proprietà di buona qualità che sono ora valutate più realisticamente. Ma possiamo anche aspettarci un aumento di interesse da parte degli investitori istituzionali dell’Europa occidentale”.

Mr. Gunn rileva inoltre l’elevato livello della domanda da parte delle imprese del Sud Africa, che affrontano il rischio di cambio e l’instabilità economica domestica. Nel febbraio 2016, l’investitore con sede a Johannesburg, Reit Hyprop, ha acquisito la partecipazione del 60% del Delta City di Belgrado, così come del centro commerciale omonimo a Podgorica, capitale del Montenegro. Le restanti quote sono state acquistate dagli amministratori non esecutivi di Hyprop. Nel mese di ottobre, Hyprop ha inoltre rilevato un centro commerciale a Skopje, Macedonia. New Europe Property Investments, un altro investitore sudafricano, ha recentemente acquisito il Centro commerciale Arena Center di Zagabria.

(Financial Times, 26.04.2017)

https://www.ft.com/content/092698d2-13aa-11e7-b0c1-37e417ee6c76

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top