Intervista esclusiva a Goran Miletic sul Belgrade Pride: “Progressi piccoli, ma evidenti”

Domenica 17 settembre 2017 la Pride Parade a Belgrado sarà più di una rischiosa manifestazione pubblica o di un corteo a favore della tolleranza e dell’uguaglianza.

Impossibile l’anno scorso prevedere che in dodici mesi la Serbia sarebbe stato il primo paese in Europa orientale e il secondo in tutto il continente ad avere una prima ministra lesbica.

Ma tale inaspettato scenario, tuttora scioccante agli occhi di una grande fetta della popolazione serba, si è effettivamente verificato e la decisione del Presidente della Repubblica di Serbia Aleksandar Vucic di nominare primo ministro Ana Brnabic non è sufficiente a cancellare il ritardo nella riduzione dei livelli di disuguaglianza, le intimidazioni dei giornalisti indipendenti, i difetti nell’applicazione delle leggi sui diritti civili, la consapevolezza limitata dei diritti personali (come cittadini e come consumatori) che ancora caratterizzano il paese.

Abbiamo affrontato questi temi con Goran Miletic, una delle voci più importanti in Serbia sulle disuguaglianze e gli abusi di potere, direttore per l’Europa di Civil Rights Defenders, organizzazione svedese impegnata a proteggere e promuovere i diritti umani nel mondo.

Quest’anno il Pride in Serbia sarà il primo a tenersi in un paese dell’Europa dell’est con un primo ministro gay. Avete percepito una qualsiasi modifica dell’atteggiamento dei vostri soliti interlocutori istituzionali?

Sì, vedo cambiamenti. Le istituzioni appaiono un po’ più aperte. Questo progresso non è grande, ma è già visibile. Quando le aziende inizieranno a sostenere la comunità LGBT (come le istituzioni adesso), dirò che siamo di fronte ad un grande cambiamento.

Nel suo rapporto del 2016, Human Rights Watch ha dichiarato che “i difensori dei diritti umani continuano a lavorare in un ambiente ostile in Serbia”. È cambiata la situazione nel frattempo?

Allo stesso modo, come giornalisti, i difensori dei diritti umani sono sotto pressione, specialmente quando si tratta di argomenti come i crimini di guerra e i diritti LGBT. Puoi provare ad avere un incontro pubblico che viene regolarmente segnalato alla polizia in anticipo, come nel caso del Pride di Belgrado o della commemorazione per le vittime del genocidio di Srebrenica (Action 7000). Non mi aspetto che questa situazione cambi nel frattempo, ma penso che non avremo arresti o simili drastiche misure.

I diritti umani sono direttamente connessi alla qualità di una democrazia. Pensa che sia possibile migliorare i diritti civili senza migliorare la democrazia, a tutti i livelli, di un paese?

Penso che dobbiamo partire dalle leggi e insistere per l’attuazione di tali leggi. È importante per l’economia ed è importante sia per gli espatriati che per i cittadini locali che la legge venga implementata in modo rapido e adeguato. Si tratta di un problema fondamentale in Serbia. La cultura democratica è qualcosa che avremo a seguito di una lunga implementazione delle norme adottate.

Una delle principali libertà civili è la libertà di espressione, inclusa la libertà di stampa. Questa è anche una delle aree per cui la Serbia è stata criticata. Anche se non esiste una censura sui media su carta, le autorità hanno mostrato una crescente ostilità verso i media critici e indipendenti negli ultimi anni. Un’altra relazione sulle libertà civili ha rilevato che “i giornalisti investigativi o quelli critici del governo si scontrano spesso con la retorica aggressiva da parte di funzionari di alto livello”. Ha incontrato situazioni simili nel corso del suo lavoro?

Da tempo non abbiamo media liberi in Serbia. Ci sono tanti modi per controllarli, ma questo soprattutto attraverso il denaro e la pubblicità. Diciamo sempre che la “strada del denaro” dovrebbe essere seguita se si vuole capire qualcosa. Molti rapporti disponibili forniscono informazioni sufficienti su chi sono i proprietari chiave di diverse agenzie pubblicitarie che detengono il 90% del mercato pubblicitario in Serbia e possono controllare chiunque li otterrà. Se fossi al potere in Serbia, sarei più che felice di avere dei media critici e più giornalisti indipendenti. Al momento, tutte le critiche vengono percepite come una specie di minaccia.

Quest’anno la LGBT Parade è l’evento finale di una settimana dal programma ricco, animato da dibattiti, conferenze e proiezioni cinematografiche. Maggiori informazioni su: parada.rs

Anche se la libertà di pacifica adunanza e associazione è garantita dall’articolo 55 della Costituzione serba, la presenza di squadre della polizia antisommossa è ancora necessaria in una sfilata a sostegno dei diritti LGBT. Cosa si può fare per mitigare questo problema?

Penso che il tempo sia fondamentale per questo cambiamento. Nel 2014 c’erano 7000 poliziotti in strada, 6300 nel 2015, mentre al Pride del 2016 erano in 4500. Speriamo che la parata del 2017 si svolga con meno polizia rispetto ai partecipanti al Pride. Prerequisiti cruciali sono il lavoro preventivo della polizia, tolleranza zero verso la violenza, la piena attuazione della legge.

Nel 2012 il Parlamento serbo ha adottato le modifiche al Codice Penale, che ora prevedono e disciplinano i cosiddetti “reati di odio”, includendo quelli commessi sulla base dell’orientamento sessuale. Quanto sono effettivamente applicati nella pratica?

Purtroppo, abbiamo zero procedimenti giudiziari basati sull’ll’articolo 54. Abbiamo tanti casi di crimini di odio, ma il procuratore e i tribunali non li considerano mai come tali. Nulla cambia in questo senso e stiamo cercando di discutere questo problema con il Pubblico Ministero.

In relazione ai diritti umani, compresi i diritti della comunità LGBT, i paesi scandinavi sono considerati modelli da seguire. Se dovesse tracciare un parallelo tra loro e la Serbia, quale ragione individuerebbe per spiegare il ritardo della Serbia: le differenze culturali, le differenze nel livello di tolleranza o l’inadeguatezza delle politiche governative?

Nel corso della storia, l’omosessualità è sempre stata considerata illegale in Serbia, almeno fino al 1994. Tuttavia, l’omosessualità era illegale anche nei paesi scandinavi. La differenza fondamentale è che la legge è stata pienamente attuata nei paesi scandinavi (e nei paesi occidentali), mentre nell’ex Iugoslavia, per esempio, abbiamo avuto solo 500 giudizi nel periodo 1951-1977.

A differenza della regione scandinava, dove la legge riveste molta importanza, questa regione non si è sempre contraddistinta nell’attuazione delle leggi. Il parere di una persona al vertice dello stato, l’opinione personale degli agenti di polizia, significano molto più di quello che è nella legislazione. Secondo l’opinione comune, la legge può sempre essere adeguata per sostenere le opinioni di coloro che sono al potere. Questo non avviene nei paesi scandinavi. Le differenze culturali sono percepibili tra i Balcani e la Scandinavia, ma la tolleranza è qualcosa che potrebbe diventare realtà anche in questa regione. Tuttavia, abbiamo bisogno di una volontà politica per questo.

E lasciatemi aggiungere, in conclusione, che il cambiamento non può essere solo questione di volontà politica. Alcuni conoscenti mi contattano dicendo: “Ho aperto un’associazione, dammi qualche soldo”. Cerco di spiegare che prima devono lavorare senza alcun obiettivo finanziario, per mostrare le loro capacità e quindi iniziare ad essere affidabili. C’è ancora una mentalità basata su scorciatoie e connessioni personali piuttosto che su un processo trasparente e sull’accettazione di diritti e doveri comuni.

I diritti civili non possono essere facilmente fissati da qualcuno per i propri scopi personali, ma possono essere applicati solo quando una grande parte della popolazione ci crede e li mette in pratica ogni giorno.

Goran Miletic ha conseguito un Master di Legge presso l’Università di Belgrado e un Master regionale europeo in Democrazia e Diritti Umani a Sarajevo.

Ha iniziato a lavorare per Civil Rights Defenders nel 2004 come responsabile del programma per i Balcani occidentali. Oggi è direttore per l’Europa.

Goran lavora presso l’Ufficio Regionale per l’Europa a Belgrado.

 

Intervista realizzata da  

Share this post

scroll to top
More in Belgrado, diritti, diritti umani
elezioni
Elezioni a Belgrado: qual è la posta in palio?

festival
Il Festival del Cinema indipendente americano a Belgrado omaggia Lynch

Close