Intervista esclusiva di Julian Assange per il Blic del 2014

Julian Assange, arrestato oggi a Londra dopo sette anni di vita isolato presso l’ambasciata ecuadoriana, nel 2014 ha rilasciato un’intervista esclusiva per il giornale Blic, in cui, tra le altre cose, ha parlato dei cavi diplomatici relativi alla Serbia, pubblicato poi da Wikileaks.

Vi riportiamo per intero l’intervista ad Assange, pubblicata sul Blic nel 2014:

Di recente ha affermato che la Serbia e l’Ucraina hanno preso il ruolo di leader. Come può la Serbia essere un leader?

Quando ho detto che la Serbia, come l’Ucraina, fosse uno dei leader più importanti, ho pensato ai paesi “tra”, cioè nell’interstatale. Questi sono paesi in cui il futuro viene prima, con tutti i suoi orrori e poi con le bellezze. Viviamo davvero in un tempo tra due epoche. Siamo l’ultima generazione libera, perché ora è giunto il momento per una distopia globale di controllo.

Nell’interesse di chi è creare un’immagine falsa di un piccolo paese come la Serbia?

Le ragioni sono diverse, dall’incomprensione, all’ignoranza, a una campagna deliberata.

Quanto sapete degli attuali sviluppi politici nel nostro paese e del dibattito da che parte stare – Est o Ovest?

A causa delle circostanze della mia vita, ho l’occassione di leggere molto, così sono a conoscenza di ciò che sta accadendo anche in Serbia. Proprio a causa della loro posizione, le persone in Serbia hanno potuto senire sulla loro pelle che non ci si dovrebbe fidare di nessuno, né dell’Est né dell’Occidente.

Nella pubblicazione di Wikileaks un gran numero di documenti dell’ambasciata americana a Belgrado sono stati pubblicati. Basandosi su questi documenti si potrebbe dire che Washington, dopo la demolizione del regime di Milosevic, abbia trascinato le mosse del governo serbo?

Sto cercando di separare il mio lavoro e le mie attività da una particolare ideologia o posizione politica, perché la mia premessa fondamentale è che la nostra civiltà è buona quanta conoscenza essi possiedono. Per questo motivo, grandi potenze, come gli Stati Uniti, vogliono padroneggiare tutta quella conoscenza e l’informazione, che ci porta al tempo di una nuova distopia transnazionale come non vi è stata vista finora. Una delle caratteristiche di questo è che non interessa solo un paese in una regione, ma iteressa tutti i paesi del mondo. Colpisce tutti i paesi allo stesso tempo. Penso che sia importante per le persone in Serbia siano principalmente consapevoli di questi pericoli e, come risultato di questa consapevolezza, iniziassero a lavorare sul cambiamento del comportamento delle persone. È una questione di coscienza politica e autocoscienza.

Un sacco di accuse sono arrivate sul suo e sul conto di Wikileaks quando sono stati pubblicati i documenti non censurati. Come giustifica Lei questa mossa?

Una delle nostre prime pubblicazioni, e anche una delle più diffuse e viste, è un video dell’elicottero militare americano “Apache” che uccide civili e giornalisti di Reuters in Iraq. E qual è stato il risultato di questa pubblicazione? Mening, che ha rivelato il documento, ha ricevuto 35 anni di carcere. E l’equipaggio di quell’elicottero e i suoi superiori che hanno ordinato quell’attacco? Non abbiamo un’agenda politica specifica, stiamo solo cercando di aprire uno spazio per un autentico impegno politico. Ci sono persone che hanno determinate informazioni e vogliono pubblicarle. Siamo una sorta di avvocati per queste persone quando “appaiono in tribunale”. Certo, non rappresentiamo tutti, ma solo le persone che possiedono informazioni di importanza politica, diplomatica, etica o storica, che non sono state pubblicate prima e per le quali esiste una sorta di pressione di non pubblicarle. Questi sono i criteri principali per la pubblicazione. Gli esperti per nascondere e sopprimere questo tipo di informazioni sono dei servizi di intelligence. Essi lo fanno perché credono che la pubblicazione di tali informazioni ridurrà il potere delle loro istituzioni. E se volete fermare qualche ingiustizia, dovete assicurarvi che più persone la scoprano.

Ripensandoci oggi, ne è valsa fare tutto ciò?

– Sì, sono molto orgoglioso di tutto ciò che abbiamo raggiunto con Wikileaks. Certo, chiunque non sia un pazzo col tempo impara a migliorare se stesso e tutto ciò che fa. Ma quando si tratta della verità ogni vittima ne vale la pena. Abbiamo tutti un numero limitato di giorni su questo mondo ed è importante viverli pienamente e in accordo con i nostri principi. Se dovessimo vivere in altro modo, sarebbe inutile sprecare il nostro tempo e il nostro essere.

Photo Credits:”facundo arrizabalaga / EPA;

https://www.blic.rs/vesti/svet/srbija-je-drzava-u-koju-buducnost-prvo-dolazi-asanz-je-2014-dao-ekskluzivni-intervju/68jpfzy?fbclid=IwAR1X0Nln6d0MPV7BCywYqTzOws_bbTI7XYY_kF8Z8KqUc9CPyxY-QmWAdG8

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top