Innovazione: Serbia 62° su 127 paesi

La Serbia si è classificata al 62° posto su 127 paesi in termini di Global Innovation Index (GII). Secondo il rating, i paesi più innovativi al mondo risultano essere Svizzera, Svezia, Paesi Bassi e Stati Uniti.

Nella regione, la Slovenia ha raggiunto la 32° posizione, la Bulgaria è al 36° posto, l’Ungheria al 39°, la Croazia al 41°, la Romania 42°, il Montenegro 48°, la Macedonia 61°, mentre la Bosnia-Erzegovina e l’Albania compaiono nella lista alle spalle della Serbia.

Il Global Innovation Index fornisce metriche dettagliate sulla performance dell’innovazione di 127 paesi e economie in tutto il mondo. I suoi 81 indicatori esplorano un’ampia visione dell’innovazione, incluso l’ambiente politico, l’istruzione, le infrastrutture e la sofisticazione aziendale.
Il rapporto GII per il 2017 si concentra sull’innovazione nell’agricoltura e nei sistemi alimentari. E’ pubblicato dalla Cornell University, INSEAD e dall’Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale, in collaborazione con altre organizzazioni e istituzioni, e si basa su dati soggettivi e oggettivi derivanti da diverse fonti, tra cui l’International Telecommunication Union, la Banca Mondiale e il Forum Economico Mondiale.
In relazione ai criteri, va evidenziato che la Serbia viene valutata meglio nel segmento delle istituzioni (50° posto su 127), infrastrutture (52°), capitale umano e ricerca (54°), e risultati della tecnologia e della conoscenza (53°). Il paese ha raggiunto scarsi risultati nell’innovazione nell’economia e business: la Serbia si  classifica infatti solo 99° nella sofisticazione di mercato (tale criterio include anche la possibilità di ottenere prestiti favorevoli, micro-finanziamento, concorrenza locale), e 79° nella sofisticazione economica (industria della conoscenza, riconoscimento del talento in un ambiente aziendale).
Lo stato generale dell’economia serba sembra avere un impatto negativo sull’innovazione in Serbia: secondo il rapporto la Serbia manca di iniziativa imprenditoriale, si configura come un piccolo mercato e le società locali non sono sufficientemente concentrate sull’esportazione. Inoltre, secondo la relazione GII 2017, l’economia serba sarebbe dominata da società straniere orientate all’esportazione.
(Blic, 18.12.2017)

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top