Iniziati ufficialmente i colloqui con il Fondo Monetario

Temi di discussione sono le misure previste dal Governo e un eventuale nuovo accordo tra le parti.

La delegazione del FMI è giunta in Serbia il 26 febbraio e fino ad ora gli incontri erano finalizzati alla valutazione della situazione finanziaria del Paese; da oggi, invece, i rappresentanti del Governo provvisorio – guidati dal Ministro delle Finanze Lazar Krstic e dalla Governatrice della Banca Nazionale Jorgovanka Tabakovic – cercheranno di preparare il campo per il raggiungimento di un nuovo accordo finanziario, che potrà però essere concluso solo dal nuovo Governo dopo le elezioni politiche del 16 marzo. Come già anticipato da più fonti, le attese sono che il FMI richieda alle autorità serbe ulteriori risparmi di bilancio e la prosecuzione della politica di ridimensionamento del settore pubblico. In un comunicato, la NBS afferma che gli incontri con il Fondo Monetario Internazionale rappresentano i preparativi per i negoziati su un programma che, al fine di garantire la stabilità macroeconomica e l’attuazione delle riforme strutturali pianificate, sia sostenuto da un Accordo Stand-By precauzionale [una forma di finanziamento che il FMI concede a Paesi in difficoltà economica, in cambio dell’attuazione di riforme volte alla stabilizzazione della situazione economico-finanziaria, ndr.].

(RTS, 03.03.2014)

FMI

Share this post

scroll to top
Altro... bilancio statale, debito pubblico, finanziamenti
Il 10% dei cittadini serbi non può saldare i debiti con le banche
Che Governo si attendono gli imprenditori stranieri?
Chiudi